•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 giugno, 2012

articolo scritto da:

La severa lezione delle presidenziali americane

Obama crisi

La severa lezione delle presidenziali americane

 

Con l’intervista a Larry Sabato anche gli osservatori italiani di politica americana possono rafforzare una convinzione, che già si palpava da settimane attraverso i sondaggi provenienti dagli States: le elezioni presidenziali non saranno una passeggiata. Il referendum che Obama subirà in quanto comandante in capo uscente sarà meno scontato di quanto si prospettava a gennaio, quando dalle primarie dei repubblicani cominciava ad emergere un Mitt Romney inevitabile per il Gop e penalizzato dalla campagna negativa degli altri candidati nel confronto diretto col presidente.

[ad]Ora si trova staccato di un solo punto percentuale secondo un’agenzia tradizionalmente affidabile come Gallup.

La causa è ben nota: dalla grande recessione gli Stati Uniti non sono ancora pienamente usciti e con una ripresa macilenta senza posti di lavoro si crea la configurazione per un rovesciamento alla Casa Bianca. Vale la pena di ricordare, che gli americani attribuiranno a Obama di non aver cambiato – come aveva promesso – le cose a Washington e non mancheranno i motivi di delusione per aver lasciato immacolato il patriot Act per la lotta al terrorismo. Magari sulla stessa riforma sanitaria, specie se dovesse essere bocciata dalla Corte Suprema nella sentenza attesa per la fine del mese, potrebbe essergli attribuita la responsabilità di aver diviso ideologicamente la nazione.

presidenziali americane

Succederà tutto questo, probabilmente, ma superando per un momento il merito della contesa dovremmo inquadrare dal punto di vista della tenuta della governabilità dei paesi Nord-Occidentale pensando ai frutti amari della depressione.

E mettendo insieme i paesi più sviluppati qualche preoccupazione dovrebbe sorgere.

In Francia, Sarkozy è stato disarcionato e dopo due legislature monopolizzate dall’Ump i socialisti si avviano a controllare la maggioranza dell’Assemblea Nazionale. A Parigi spezzare l’eccessiva continuità è stata cosa ben salutare e rafforza la democrazia nell’alternanza. Tutto bene.

Come avvenuto d’altro canto in Spagna col ritorno del PP di Rajoy. Da Madrid al tempo stesso suona il primo campanello d’allarme. Il primo ministro ha speso in pochi mesi buona parte del suo capitale elettorale e, come segnalato in un recente articolo di Enrico Peroni, rischia il collasso insieme al suo partito.

In Germania, Angela Merkel è largamente impopolare e se si dovesse ripresentare quest’anno agli elettori tornerebbe in un batter baleno all’opposizione. Idem per David Cameron in Gran Bretagna.

L’Italia, invece, vivendo una fase di “stagnazione insostenibile” secondo la definizione di Roger Abravanel potrebbe in questa nostra individuazione di una linea di tendenza sulla governabilità aver svolto il ruolo antesignano. Non si può dare certo la colpa alle leggi elettorali o al parlamentarismo se dal 1994 gli equilibri elettorali sono cambiati ad ogni giro. Essere stati quasi sempre in crisi ha reso in breve tempo sgradevole ogni governo. Fino a far diventare l’alternanza troppo alternata. Una legislatura al centrodestra, una legislatura al centrosinistra dal 1994 fino al 2008 e il 2013 non intende fare eccezione.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Giovanni Panuccio
Giovanni Panuccio

 Gli Stati Uniti hanno, anche loro, delle riforme costituzionali da fare, secondo me. La più urgente è quella di portare la legislatura della Camera dei rappresentanti dagli attuali due a quattro anni, come il mandato presidenziale, facendo coincidere il momento delle due elezioni in modo da ottenere - verosimilmente - un presidente e una maggioranza dello stesso colore. Il bilanciamento dei poteri potrebbe ritenersi ancora salvo grazie al mantenimento del rinnovo parziale, a ogni biennio, del Senato.