•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 giugno, 2012

articolo scritto da:

Recensione de “Le cose che ho imparato” di Gianni Riotta

md-81c14894c12e6ee3e18aee36ffa132ee_3

Gianni Riotta, giornalista e scrittore, è nato a Palermo nel 1954. Figlio di Salvatore, redattore del Giornale di Sicilia, esordisce prestissimo nel campo del giornalismo pubblicando articoli per Il Manifesto e come collaboratore delle pagini culturali del Giornale di Sicilia.

[ad]Laureatosi in filosofia presso l’Università di Palermo si trasferisce a Roma dove inizia a collaborare con il Corriere della Sera come corrispondente da New York. Ha collaborato con le più importanti testate giornalistiche americane tra le quali spiccano il Washington Post ed il New York Times.

Nel 2006 ricopre il ruolo di Direttore del TG1 fino al marzo del 2009 quando assume la direzione de “Il Sole 24 ore” che lascia nel Marzo del 2011.

gianni riotta

Il suo ultimo libro “Le cose che ho imparato” è una sorta di autobiografia dell’autore. In esso troviamo tutte le esperienze di vita, accademiche, didattiche, di giornalismo e di incontri che ha compiuto dall’infanzia ad oggi. Dai ricordi vivi dei suoi anni palermitani, dove si staglia autorevole ed amorevole la figura del padre, agli odori, sapori e parole ormai perduti, agli ultimi anni passati con le truppe americane di stanza in Afghanistan ed Iraq.

Per esprimere il libro con una parola userei “difficile”. Non è il classico libro che vedremo posato su un telo da mare o su un lettino quest’estate perché il tipo di informazioni in esso contenute non permettono al lettore di approcciarvisi con una mente distratta od occupata. Il libro necessita di una mente libera e concentrata alla lettura; Riotta passa, con la disinvoltura di chi è abituato a scrivere, da nozioni semplici a più complesse, da argomenti faceti, come quando da bambino insieme a dei suoi amici andavano in cerca di bombe inesplose della II Guerra Mondiale, a quelli più seri, ad esempio la paura della mafia che, a quei tempi, utilizzava come autobombe le bellissime e fiammanti Giuliette e dove,una di esse, fece strage a Ciaculli (dove morirono nel 1963 il tenente dei carabinieri Malausa, i marescialli Corrao e Vaccaro, gli appuntati Altomare e Fardelli, il maresciallo dell’esercito Nucio ed il soldato Ciacci).

 

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments