•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 luglio, 2012

articolo scritto da:

I consigli del Termometro per gestire una newsletter sotto elezioni

elezioni

I consigli del Termometro per gestire una newsletter sotto elezioni

 

 

Forse un giorno chi dovrà occuparsi di campagne elettorali potrà fare a meno della raccolta di indirizzi mail, della gestione dell’indirizzario e soprattutto di controllare e ottimizzare i tassi di apertura e risposta della mailing list: negli Stati Uniti l’attenzione verso le newsletter, politiche e non, soffre di un calo inesorabile e alcuni college hanno addirittura smesso di dare i propri indirizzi di posta elettronica a favore di contatti attraverso i social media. Oggi pero’ la mailing list è ancora uno strumento, forse il più trasversale fra quelli digitali e quindi va considerato ed usato al meglio.

[ad]In particolare un database di indirizzi non e’ un elemento statico, ma va costantemente manutenuto per evitare di essere percepiti come spammer dai filtri anti-spam delle webmail. Ecco quindi che occorre:

– deduplicare gli indirizzi per evitare che un utente venga sommerso dalla stessa comunicazione: se il messaggio può in generale interessare, un suo bis può risultare molesto;
– mettere “in quarantena” gli indirizzi che generano un messaggio di casella di posta piena o non più attiva. Se questo problema si ripeterà una seconda volta, allora è opportuno cancellare l’indirizzo: i filtri antispam infatti interpretano questi invii “massivi” come rivelatori di un comportamento fraudolento da parte del mittente;
– inviare messaggi davvero pertinenti per il destinatario per evitare che – e in Italia così fanno il 40% degli utenti – questi lo inviino direttamente nel casella dello spam creando il rischio che anche gli altri iscritti alla newsletter non vedano più le successive newsletter.

elezioni

Proprio per quest’ultimo motivo occorre che a ricevere le nostre newsletter siano utenti veramente consapevoli e non soggetti che, in occasione di iniziative online e non, abbiano lasciato il proprio indirizzo di posta elettronica.

Nel dubbio, la cosa migliore è “qualificare” il database degli indirizzi ovvero inviare una o più comunicazioni nelle quali si chieda agli utenti a cosa sono veramente interessati e con quale frequenza siano disposti a ricevere le nostre informazioni: un database profilato, che si basi sugli effettivi interessi degli utenti e sulle loro propensioni è quanto di più utile per mobilitare il nostro seguito ed attivarlo al voto o, più in generale, ad una partecipazione attiva alla nostra proposta politica.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments