•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 21 luglio, 2012

articolo scritto da:

Grecia, cronache dalla crisi. Operai e kalashnikov, effetti collaterali

GR_khell

La crisi economica non taglia solo posti di lavoro, taglia anche la memoria: l’anniversario per il ritorno della democrazia in Grecia, dopo gli anni bui della dittatura dei colonnelli, non sarà festeggiato quest’ anno. Lo ha deciso il presidente della Repubblica, Karolos Papoulias.

[ad]E’ come se in Italia non festeggiassimo più il 25 aprile. In un momento di crisi, anche morale, obliterare una simile ricorrenza non sembra cosa buona e giusta. Ma certo si risparmia. Intanto prosegue lo sciopero dei lavoratori della società Elliniki Halyvourgia dello stabilimento di Aspropirgos, una zona industriale vicino al Pireo, che hanno incrociato le braccia da quasi nove mesi, durante i quali sono falliti tutti i tentativi di trovare una soluzione al problema del licenziamento di 360 operai. I manifestanti chiedono la riassunzione di almeno una parte degli operai licenziati. Il governo tratta con gli scioperanti e con la proprietà della fabbrica che, però, minaccia di trasferire la produzione a Volos, in un altro cantiere di sua proprietà, se lo sciopero continuerà ancora.

Khell

I rappresentanti della troika, Paul Tomson (Fmi), Servaz Deruz (Ue) e Claus Masuch (Bce), sono giunti il 19 luglio ad Atene per valutare lo stato di attuazione del programma per l’adeguamento di bilancio e le riforme economiche. Intanto il Ministero delle Finanze ellenico, in una corsa contro il tempo, cerca di reperire 11,6 miliardi di euro entro la fine del 2014, possibilmente con tagli alla spesa pubblica ma senza ulteriori riduzione a stipendi e pensioni. Anche perché è rimasto ben poco da ridurre.

Pochi giorni fa si è rischiata una crisi di governo dopo le divergenze emerse fra il leader del Pasok, Evaghelos Venizelos, e il Ministro delle Finanze Giannis Sturnaras – a cui sarebbe stato contestato il fatto di non aver sollevato all’Ecofin l’esigenza di una dilazione dei tempi per risanare i conti di Atene. E sì che la fiducia al governo Samaras è stata votata solo il 9 luglio scorso. La cobitazione tra i conservatori di Nea Dimokratia, primo partito alle urne, dei socialisti del Pasok e della Sinistra democratica inizia sotto il segno della turbolenza.

Nel paese intanto aumenta il disagio sociale, Demetrio Manolitsakis, giornalista dell’Ansa, scrive del vertiginoso aumento della criminalità: “Le rapine a mano armata sono un fenomeno quotidiano nella Grecia di oggi mentre ogni giorno aumenta drammaticamente qualsiasi altro tipo di crimine, cosa che costringe i cittadini a vivere in un clima di grande paura in cui il pericolo si respira nell’aria. Ma c’è anche chi cerca di reagire e si compra una pistola“. La Grecia rischia così di diventare un far west: sono 35 le persone decedute dall’inizio dell’anno in scontri a fuoco in banche o supermercati. “Negli ultimi mesi le vendite di armi sono aumentate del 60% e lo dimostra il fatto che le ditte importatrici di armi hanno esaurito le scorte e ora sono in attesa di nuovi arrivi. I cittadini di solito acquistano le armi che sparano pallottole di gomma” scrive ancora Manolitsakis.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments