•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 27 luglio, 2012

articolo scritto da:

Taranto, è necessario scegliere tra occupazione e salute?

ilva taranto

Taranto, è necessario scegliere tra occupazione e salute?

 

L’ambientalismo del fare, lo battezzò Veltroni nel lontano 2008, quando ne fece uno dei suoi cavalli di battaglia nella campagna elettorale. Un modello di ambientalismo che superasse la fase di esclusiva protesta, ed entrasse in una di proposta, che lanciasse la green economy come volàno dello sviluppo industriale italiano. Fino ad allora, infatti, malgrado l’alleanza elettorale che più o meno stabilmente univa Verdi e sinistra – in ottica piuttosto antagonista che di proposte comuni – unire difesa dell’ambiente e difesa dei lavoratori (dei posti di lavoro, si direbbe oggi) non è mai stato facile da un punto di vista concretamente programmatico.

taranto

[ad]D’altronde, non è detto che l’”ambientalismo del fare” avrebbe potuto essere una  stella polare per risolvere la grana che coinvolge la città di Taranto da diverso tempo e che da ieri la infiamma, dividendola in due fazioni ciascuna delle quali difende diritti che sarebbero anche fondamentali: quello di dar da mangiare alla propria famiglia, col proprio lavoro, da parte dei circa quindicimila lavoratori dell’Ilva e dell’indotto (di cui cinquemila maggiormente interessati dal provvedimento), e quello di non respirare diossina, per i cittadini, soprattutto per quelli che vivono nelle zone più esposte della città.

L’ordinanza di ieri, attraverso la quale il gip di Taranto ha posto sotto sequestro di sei impianti del complesso industriale dell’Ilva e tratto agli arresti domiciliari otto persone, a vario titolo responsabili, secondo l’accusa, di disastro ambientale colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose. La decisione, ha spiegato oggi in conferenza stampa il Pg di Lecce, è stata sofferta, ma obbligata: la magistratura ha l’obbligo di perseguire i reati, e all’Ilva – non di giorno, ma di notte – questi venivano commessi, causando disturbi, malattie e concreti rischi di morte nei tarantini.

Nella città pugliese i lavoratori dell’Ilva stanno bloccando il traffico sulle principali arterie cittadine, ed il richiamo dei sindacati al governo, affinché risolva la situazione è forte. Sulla stessa linea anche il mondo confindustriale, con Federmeccanica e Federacciai a paventare rischi importanti per tutto l’indotto e per gran parte del manifatturiero nazionale. A plaudire all’ordinanza sono naturalmente le associazioni ambientaliste, che ora chiedono di non dar vita ad uno scambio tra ambiente e occupazione. Il punto è infatti come conciliare il rispetto dell’ambiente alla questione occupazionale laddove non tutti i passi sono stati compiuti per giungere ad una più completa riconversione aziendale.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments