•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 novembre, 2012

articolo scritto da:

Termometro Finanziario: Obama subito alle prese col fiscal cliff

Obama rieletto

[ad]Le elezioni (statunitensi) più costose della storia si concludono con un sostanziale nulla di fatto: come prima del 6 novembre, un presidente democratico dovrà convivere con un Congresso spaccato fra la Camera a maggioranza repubblicana e un Senato a maggioranza democratica. E i mercati si spaventano.

Si preannuncia una lotta durissima sulla questione del fiscal cliff, ovvero il precipizio fiscale in virtù del quale a fine anno scatteranno aumenti di tasse e tagli di spesa che deprimeranno un’economia che già non straripa di allegria. Obama ha già affermato che respingerà al mittente ogni proposta che non preveda un aumento delle tasse ai più ricchi, rispondendo al leader della maggioranza repubblicana che, pur annunciando aperture, ha già predetto che sugli aumenti delle imposte il GOP farà opposizione durissima.

termometro finanziario

Va ricordato che negli USA le tasse federali sono già al livello più basso nella serie storica e che alle elezioni di martedì gli americani hanno sostanzialmente respinto i Tea Party, i repubblicani più integralisti, contrari ad ogni aumento di imposte (specie ai ricchi). I repubblicani sono allo sbando dopo la batosta elettorale (Romney ha perso in tutti gli swing states escluso il North Carolina), e dovranno scegliere se fare una lotta senza quartiere oppure scendere a compromessi con i democratici e un Presidente che si spera avrà un polso più “esecutivo” rispetto ai primi quattro anni alla Casa Bianca.

Gli analisti si aspettano che alla fine il fiscal cliff sarà ridotto e che un accordo sarà raggiunto, specie sulla questione del debito pubblico. Il diavolo, però, sarà come sempre nei dettagli, e i lavori verranno seguiti con la massima attenzione: gli USA devono ripartire il prima possibile lungo il sentiero della crescita, oppure arrestare il declino in cui si sono spinti nel corso dell’era Bush diventerà una missione impossibile.

Passiamo agli appuntamenti più importanti della agenda macroeconomica della prossima settimana. Lunedì gli USA saranno “a mezzo servizio” per via della festività Veterans’ Day. Martedì conosceremo il dato sull’inflazione in Italia, attesa sugli stessi livelli del mese precedente, ovvero al relativamente basso livello del 2,6% su base annua. Più tardi gli occhi dei mercati europei saranno puntati verso la Germania, che rilascerà l’indice ZEW sul sentiment economico: l’indice dovrebbe essere ancora “pessimista”, ma in lieve miglioramento. Prima di pranzo andranno in asta BOT italiani a 3 e 12 mesi. Mercoledì andranno invece in asta BTP a 3 anni.

Sempre mercoledì conosceremo l’andamento della produzione industriale nell’Unione Europea, e purtroppo gli analisti non si attendono notizie positive, visto che si prevede un calo dell’1,9% su base mensile. Le vendite al dettaglio negli USA dovrebbero subire un deciso rallentamento, pur restando moderatamente positive su base mensile. In serata i mercati leggeranno con la massima attenzione i verbali dell’ultima riunione della Fed, cercando di estrapolare informazioni circa il futuro andamento dei tassi di interesse e dell’economia in generale.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments