•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 2 marzo, 2011

articolo scritto da:

TP presenta ricerca a Confindustria e sindacati

confindustria

Oggi a Roma workshop promosso da fRDB e EIEF. Abbiamo illustrato i nostri dati sul referendum di Mirafiori

Si è svolto oggi a Roma, presso la sede dell’EIEF (Einaudi Institute for Economics and Finance), il convegno “Contrattazione salariale e cassa integrazione in Germania: lezioni per l’Italia?“, promosso dalla Fondazione Rodolfo Debenedetti. I relatori: Tito Boeri, Herbert Bruecker (IAB – Institute for Employment Research di Norimberga), Michael Burda (Humboldt University di Berlino) e Claus Schnabel (Friedrich-Alexander University Erlangen di Norimberga). Qui le relazioni e la presentazione del convegno.

[ad]Durante l’incontro, a porte chiuse, Termometro Politico ha presentato i risultati della ricerca condotta a Mirafiori in collaborazione con Lavoce.info in occasione del referendum di gennaio sul nuovo contratto di lavoro.

Tra i presenti, il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, i segretari generali Cgil (Susanna Camusso), Cisl (Raffaele Bonanni) e Uil (Luigi Angeletti), alcuni parlamentari (tra cui Giuliano Cazzola, Paolo Nerozzi e Pietro Ichino) e studiosi presso università, ISTAT e Banca d’Italia.

In sintesi, riportiamo di seguito le conclusioni principali del nostro lavoro, contenute nella documentazione (molto più ampia) consegnata ai partecipanti al convegno.

confindustria

 


I referendum della FIAT di Pomigliano e Mirafiori hanno riaperto il dibattito economico e politico sulle relazioni industriali. Questo ricerca è il primo tentativo di spiegare le motivazioni del voto tra gli operai a partire da un’indagine indipendente svolta ai cancelli di Mirafiori durante il voto del 13-14 gennaio 2011. Alcuni dei dati più significativi:

  • Motivazioni del voto

Sia tra chi ha votato sì sia tra chi ha votato no prevale nettamente la percezione che il nuovo contratto sia stato imposto: il 75% di chi vota Sì lo ha fatto per “salvare il posto di lavoro” mentre per il 78% di chi ha votato no si tratta di un “ricatto”. Solo una minoranza giudica l’accordo positivamente. Come risultato della polarizzazione dello scontro solo un’esigua minoranza esprime un dissenso su contenuti specifici dell’accordo.

Anzianità di servizio, età e figli non sembrano essere determinanti significative del voto, mentre è importante la presenza di un coniuge a carico.

  • Risultato del voto e affiliazione sindacale/politica

La fedeltà alle indicazioni del sindacato è stata piuttosto forte: il 90% degli iscritti alla Fiom ha votato no, mentre il 75% degli iscritti ai sindacati firmatari ha votato sì. Fondamentale è stato quindi il voto dei non iscritti al sindacato − circa la metà dei lavoratori di Mirafiori − che si sono espressi con il 54% per il sì.

Anche l’appartenenza politica sembra avere un’influenza sulla scelta di voto: gli operai di centro-destra, a parità di condizioni demografiche e appartenenza sindacale, sono più propensi a votare sì al referendum, mentre gli operai di centro-sinistra sono più propensi a votare no.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments