•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 23 novembre, 2012

articolo scritto da:

Primarie Pd-Psi-Sel: la media sondaggi “pesata” dal Tp

primarie

[ad]In previsione delle primarie del centrosinistra di domenica prossima diversi istituti di sondaggi hanno provato a misurare il consenso riscosso dai Fantastici 5 presso l’elettorato del centrosinistra.

Il compito tuttavia risulta doppiamente improbo a causa della difficile quantificazione dell’elettorato delle primarie. Nel 2006 Prodi fu incoronato leader da una consultazione di oltre 4 milioni di cittadini. Bersani nel 2009 fu incoronato segretario del PD con poco più del 50%, 1.6 milioni di voti su un totale di circa 3 milioni. Lo stesso Bersani, molto conservativamente a nostro parere, indica in 2 milioni di elettori la soglia del successo per la partecipazione nelle primarie del 2012.

primarie

Fatto sta che gli stessi istituti hanno spesso proposto 2 scenari nelle loro indagini, a volte ignorando completamente i competitors minori, Puppato e Tabacci. Anche l’approccio metodologico e’ stato abbastanza diverso. Alcuni hanno dedicato indagini approfondite come l’Ipsos del 21/11 che interroga 3000 cittadini cosi’ come il Tecné del 12/11, altri sembra che abbiano considerato giusto il sottocampione degli elettori di centrosinistra intenzionati ad andare a votare che rispondono ai classici sondaggi nazionali  come nel caso del sondaggio Lorien del 9/11. In altri casi abbiamo rilevazioni su un numero veramente minimo di elettori, ad esempio il sondaggio dell’Istituto Piepoli si basa su solo 306 interviste, con un elevato errore statistico, oltre il 5%. Inoltre non tutti forniscono i margini di errore delle loro rilevazioni. Questa mancanza di omogeneità può  influire sicuramente sulla qualità di una media semplice e per questi motivi si e’ preferito ricorrere ad una media “pesata” sulle interviste fatte da ogni sondaggio. Il risultato di questa operazione ci mostra un Bersani nettamente in testa con il 41%, circa 10 punti percentuali su Matteo Renzi, ma ben lontano da una vittoria al primo turno che pure sarebbe nelle sue possibilità , visto che come dicevamo parte da un serbatoio  di 1.6 milioni di voti con cui ha vinto le primarie del 2009.

primarie
Anche considerando i trend, Bersani sembra solidamente attestato sulla soglia del 40% in leggera ascesa, mentre Renzi pur avendo un trend ascendente più deciso che gli ha fatto agevolmente superare quota 30%  riesce a sfiorare quota 40% in un solo sondaggio. In leggera discesa ci paiono invece le quotazioni di Nichi Vendola: partito con percentuali più vicine al 20% che al 10% attualmente pare essere più vicino al 10% che al 20%.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Pingback: primarie 25 novembre « Georgiamada

  2. Tore Puglisi ha scritto:

    se vince renzi (come si augura Il Giornale!) il PD si spacca, meditate gente meditate! FORZA BERS!

  3. Roberto Panini ha scritto:

    purtroppo il P.D. rischia di spaccarsi anche se vince Bersani perchè il primo della classe vuole essere il primo a tutti i costi. Cosa penserà Renzi di quello che dicono i Leghisti di Modena, che hanno votato Renzi, forse che l’importante è vincere bene o male non importa. Forse dimentica che si è candidato a guidare il centrosinistra. Io stò con Bersani

Lascia un commento