•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 19 gennaio, 2013

articolo scritto da:

Il Redditometro: strumento intelligente o da Stato di Polizia?

il redditometro

Il debito pubblico ha sfondato quota 2020 miliardi di euro. L’evasione fiscale stimata ammonta a circa 120 miliardi, più o meno il 6% del nostro debito, per farla breve, se tutti pagassero le tasse non solo si cancellerebbe strutturalmente l’IMU, ma anche una quantità non ben definita ma copiosa di ulteriori balzelli che, a partire dalle Finanziarie estive del Governo Berlusconi IV fino all’ormai imminente Redditometro, hanno cominciato a sensibilizzare molto le tasche del contribuente.

[ad]Da un lato i percettori di reddito fisso si sentono un po’ come dei polli pronti da spennare: le loro entrate sono note e quando si deve far cassa e dimostrare che i conti rientrano, magari sotto lo stress della speculazione, il gettito è più facile da stimare, quindi ne perdono i pensionati con la mancata perequazione o tutti con l’introduzione di tasse e imposte. D’altro canto, il popolo dei liberi professionisti, artigiani e commercianti invoca un fisco più equo che permetta di non soffocare le attività già fortemente inficiate dalla crisi internazionale. Il risultato agli occhi di tutti è un aumento delle imposte e una riduzione dei servizi.

il redditometroUn Paese moderno dovrebbe utilizzare le entrate fiscali per dare servizi, l’Italia purtroppo negli ultimi anni le ha sfruttate per tappare buchi o voragini creati da una spesa pubblica piuttosto allegra che arriva dai tempi delle pensioni d’oro, dei baby pensionati e di tutta quella serie di benefit per i quali un trentenne di oggi con contratto in scadenza prova disgusto.

Nell’estate 2010 il Governo Berlusconi IV ha inserito il Redditometro, normato il 24 dicembre scorso dall’Esecutivo Monti e che, sostanzialmente, dovrebbe andare ad analizzare gli scostamenti tra reddito dichiarato e tenore di vita.

Chiariamo subito i termini sostanziali di tutto questo: la ricchezza non è una colpa e questo concetto è stato più volte sottolineato da Befera stesso, dipinto da certa stampa come l’orco cattivo che mette le mani nelle tasche degli italiani. Probabilmente il sistema dovrà essere messo a punto attraverso diversi perfezionamenti, ma l’impressione è che si stia cercando l’evasore e non lo spendaccione. Da un lato c’è chi urla contro uno Stato di Polizia, o meglio, di GdF, quasi che non ci si possa godere il frutto dei propri risparmi (l‘Adusbef invoca l’incostituzionalità) da un altro ci sono i ben pensanti che esigono la forca per gli evasori perché hanno un reddito fisso, per poi magari chiedere lo sconto dell’IVA al professionista presso il quale si servono evitando l’emissione della ricevuta.

La preoccupazione che serpeggia è che un giorno qualcuno ci chiamerà a rendere conto della cena che abbiamo pagato ai nostri amici, piuttosto che di quel viaggio in Australia per il quale abbiamo accantonato un po’ di soldi da diversi anni; scatta quindi la corsa alla conservazione di scontrini inutili: non è mostrando un pezzo di carta anonimo che si prova la propria capacità di spesa. Per certi versi questa paura fa il gioco del Tesoro, che vede una maggior richiesta di scontrini per iniziativa del consumatore e meno tolleranza verso i pagamenti “in nero”, ma in fin dei conti si tratta di paure infondate, perché se quel viaggio a Sydney è stato fatto utilizzando i propri risparmi nessuno potrà accusarci di evadere le tasse, sarà facilmente desumibile dalla diminuzione del saldo disponibile del patrimonio accumulato negli anni passati, inoltre il sistema utilizza mezzi informatici molto evoluti, qui probabilmente la tracciabilità gioca più a favore del contribuente.

Sembra insomma che a preoccuparsi siano le persone che utilizzano somme derivanti da evasione per consumare beni e servizi altrimenti impossibili rispetto a quanto dichiarato.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
FILIPPO
FILIPPO

senza entrare nel merito dello strumento redditometro, vorrei fare solo una considerazione se dai 35/40000 controlli previsti per il 2013 dalla agenzia delle entrate si prevede di arrivare ad un recupero di circa 1 miliardo di tasse evase perchè non si considera che il danno al mercato interno per lo stesso periodo del 2013 sarà molto forte (previsti anche 25 miliardi) e almeno 40000 aziende fallite per evitare di autodistruggerci in tre anni bisogna velocemente cambiare il sistema di tassazione e portere quasi tutto su tasse indirette evitando quindi anche il medioevale sistema del redditometro

Paolo
Paolo

col redditometro 1.0 ho avuto a che fare 30 anni fa: ero dipendente, mi sono autodifeso ed ho vinto. Con gli studi di settore ho avuto a che fare di recente, mi hanno difeso, perché non è più possibile farlo da soli, e la pratica è stata archiviata ma ho dovuto gettare al vento dei soldi. Oggi per imbonirsi la gente, dicono che è tutto cambiato che saranno più attenti, ma credo che questo dipenderà solo dalla buona (o peggio in alcuni casi mala) fede del funzionario fino a quando accertamenti ed altro non dipenderanno da uno staff che risponda di quello che fa e degli eventuali danni che provoca. Questo tipo di leggi è fatto solo per creare caos da persone che non hanno mai gestito nemmeno una bottega ed invidiano chi si sacrifica e tira avanti molto faticosamente per garantire i loro lauti stipendi e relative pensioni.