•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 3 maggio, 2013

articolo scritto da:

Udine al ballottaggio domenica e lunedì

Ancora due giorni e ci siamo: domenica e lunedì prossimo si svolgerà il ballottaggio per l’elezione a sindaco del comune di Udine.

[ad]Al primo turno i migliori due contendenti sono risultati il sindaco uscente del centrosinistra Furio Honsell, appoggiato da Pd, Rifondazione Comunista, Sel e ”Innovare con Honsell” e il suo antagonista per il centrodestra Adriano Ioan, appoggiato da Pdl, Udc, La Destra, ”Identità Civica Ioan Sindaco” e “Per Udine”.

La distanza tra i due è stata comunque considerevole: Honsell si è fermato al 45,97% e Ioan al 35,59%. Per il primo 21.407 voti, per il secondo 16.574.

Più staccati gli altri quattro candidati: Carletto Rizzi (Udine Futura 1,52%) , Paolo Perozzo (M5S con il 14,67), Flavio Cavinato (Blocco Civico 1,40%) e Antonio Miclavez con una lista civica a 0,85%. Tra i due candidati ammessi al ballottaggio, dunque, c’è una differenza di circa 5000 voti, non facile da colmare.

Furio_Honsell

In questi ultimi giorni né Honsell né Ioan hanno concluso apparentamenti: è chiaro infatti che entrambi puntino a conquistare gli elettori che al primo turno hanno votato il Movimento 5 stelle, ossia un  prezioso 14%. E per fare ciò i due candidati, in questi ultimi giorni di campagna elettorale, lanciano segnali concilianti ai grillini: “quello che ci caratterizza è una visione concreta di città soprattutto sui temi della recessione che, nei prossimi giorni, affronteremo con la neo presidente della Regione, Debora Serracchiani” – dice il sindaco uscente Honsell. Il suo obiettivo è incentivare l’occupazione giovanile, ridurre l’Imu, la Tares e l’Ires per incentivare la virtuosità energetiche nelle aziende.

E soffermandosi sulla mobilità sostenibile, Honsell assicura di voler contrastare “la campagna mistificatoria cavalcata dal centrodestra. Il mio programma è concreto, alcune proposte possono essere messe al vaglio di referendum popolari, mentre il programma dell’avversario è fatto solo di polemica e mera contestazione.  Inoltre, il programma del M5S è allineato con il nostro almeno su tre cardini: trasparenza, sostenibilità ambientale e innovazione e quindi l’elettorato grillino se andrà a votare spero possa sostenere le nostre idee“.

Ugualmente combattivo è il candidato del centrodestra, Ioan, il quale punta tutto sulla sfida tra vecchio e nuovo e per questo tenterà di convincere gli antensionisti a votarlo dimostrandogli “come il sindaco uscente ha rovinato Udine”. “Non c’è da scegliere un partito o uno schieramento politico – spiega Ioan -, bensì una persona, una nuova idea di città che la persona incarna. La contrapposizione è fra “vecchia e nuova Udine” e l’appello anche al Movimento 5 stelle, sarà chiaro: uniamoci per rottamare il vecchio.”

La battaglia dunque è più aperta che mai, anche se, alla fine, il sindaco uscente Honsell, nonostante il momento travagliato del Pd nazionale, dovrebbe farcela: negli ultimi 5 anni ha, tutto sommato, lavorato bene, godendo inoltre di un certo prestigio personale, essendo stato per più di 7 anni rettore dell’Università di Udine, istituzione che ha un notevole peso in città. Inoltre è difficile credere che la maggioranza degli elettori del Movimento 5 stelle diano in massa fiducia ad un candidato del Pdl: a Honsell basterebbe conquistare solo un terzo dei consensi grillini per vedersi riconfermato primo cittadino per altri 5 anni.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: