•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 6 luglio, 2011

articolo scritto da:

La Manovra lascia il difficile al prossimo governo

Rappresenta davvero un gesto di responsabilità una manovra finanziaria che rimanda tra due anni i dettagli delle decisioni economiche più difficili da prendere? Certo, il manovrone arrivato ieri finalmente al Quirinale prevede  misure che entreranno in vigore fin da subito: per esempio il superbollo sui SUV oppure i tagli alle rinnovabili. Altri provvedimenti dolorosi quali i tagli di natura progressiva delle pensioni oppure la reintroduzione del ticket sanitario entreranno invece in vigore a partire dall’anno prossimo.

Queste sono tutte decisioni politicamente difficili. I tagli all’INPS sono stati bocciati da Bossi prima ancora di essere formalmente annunciati. La CGIL minaccia già scioperi per il 15 Luglio. I tagli agli incentivi per le rinnovabili, prima smentiti dal Ministro Romani, compaiono ora nel testo ufficiale e stanno creando tensioni anche con il Ministro Prestigiacomo. Ma ciò che è chiaro è che gli effetti più dolorosi della manovra, i tagli veramente grossi, saranno da effettuare dopo lo scadere dell’attuale legislatura.

Dei 47 miliardi di tagli complessivi annunciati infatti, solo due si collocano nel 2011, cinque nel 2012 e gli altri 40 in due tranche per 2013 e 2014.manovra
I sopracitati provvedimenti per il 2011 e 2012 sono destinati a creare scontenti. Non parliamo nemmeno degli aspetti più controversi del testo finale quali la reintroduzione del “Lodo Mondadori”. Ma vi è una grossa distinzione da fare tra tagli politicamente difficili e tagli di una misura così grande da essere intrinsecamente destabilizzanti per un Governo.

La logica economica della riduzione dei deficit chiedeva numeri più coraggiosi fin da subito. Ma perlomeno è un comportamento coerente con un naturale cinismo politico che tende a posticipare le scelte difficili, seppur sotto la copertura di una presunta austerity tremontiana.

[ad]Più che il procrastinare in sé colpisce la decisione di lasciare il difficile a dopo la presunta data delle prossime legislative. In questo non si può non scorgere almeno in parte una consapevolezza da parte del Centrodestra che vincere nel 2013, sempre che ci si arrivi, sarà molto difficile. Il governo si trova infatti nelle strette. Il 24 Giugno lo spread tra gli interessi dei bond italiani a maturazione di 10 anni e quelli tedeschi aveva toccato un picco di sempre di 214 punti base. Il Centrodestra con un occhio guarda ai sondaggi elettorali che lo vedono in netto calo rispetto al Centrosinistra. Tagli immediati sarebbero fatali, oltre che per equilibri all’interno della maggioranza, per le speranze elettorali del PDL. Ma con l’altro occhio guarda allo spread, di cui un possibile aumentare ha può essere potenzialmente catastrofico per il paese.

Sembrerebbe essere stata dunque la situazione politica interna, opposta alle esigenze esterne di rigore finanziario poste dalla UE e dai mercati a imporre questa ennesima procrastinazione. Viviamo un momento in cui i mercati si sono finalmente svegliati alla possibilità di un naufragio economico dell’Italia. Per Noise From Amerika questa scelta è estremamente irresponsabile. Ma se questo è vero, teoreticamente dovrebbe crollare la fiducia nei nostri confronti.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: