•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 26 maggio, 2013

articolo scritto da:

Ilva, si dimette l’intero Cda “A rischio 40 mila posti”

ilva taranto arrestate quattro persone giovanni florido

Non c’è pace per l’Ilva di Taranto. Dopo il maxi-sequestro da 8 miliardi di euro, circa due volte il gettito dell’Imu, si è dimesso l’intero cda, a partire dal presidente Bruno Ferrante e l’amministratore delegato Enrico Bondi, gli uomini che erano stati scelti dalla proprietà per risanare la gestione dell’acciaieria pugliese e darle una prospettiva di vita.L’azienda è attualmente senza timone, in balìa degli eventi e con il fiato sempre più corto.

[ad]La decisione del Gip di Taranto Patrizia Todisco di porre sotto sequestro il patrimonio  della Riva Fire, cassaforte finanziaria della famiglia Riva, in possesso dell’83% delle quote di Ilva rappresenta un colpo forse letale per i destini della fabbrica e dei suoi lavoratori. Al capitolo giudiziario  segue, infatti, quello politico e sociale. Se il provvedimento di sequestro, contro cui i legali dell’azienda hanno già presentato ricorso d’impugnazione, dovesse essere confermato sarebbero 40mila i posti di lavoro a rischio tra addetti allo stabilimento e indotto, 24mila nella sola città pugliese. Il neoministro dello sviluppo economico Zanonato ha convocato un vertice d’emergenza per lunedì mattina al quale parteciperanno Bondi e il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. E’intervenuto, intanto, sulla vicenda anche il premier Letta che assicurando un impegno deciso e tempestivo del governo ha parlato di “disastro senza precedenti”, mostrandosi particolarmente preoccupato per gli effetti devastanti sul piano occupazionale che dal nuovo intervento giudiziario potrebbero derivare.

I sigilli agli 8 miliardi della casse della società facente capo a Emilio Riva, ex presidente del gruppo agli arresti domiciliari dal novembre scorso per disastro ambientale, e al figlio Fabio, ex vicepresidente in attesa di estradizione a Londra, sono stati “accumulati-scrive il gip nel motivare il provvedimento inibitorio, a danno dei tarantini, conseguendo un indebito vantaggio economico a scapito di popolazione e ambiente, non garantendo la sicurezza dei lavoratori all’interno del sito produttivo e ignorando le disposizioni dei custodi nominati dei giudici.”

Resta da capire adesso come questo mega –sequestro  influirà sulla vita del ciclo produttivo della più grande acciaieria d’Europa che i giudici e il governo precedente avevano in qualche modo cercato di tutelare rispetto all’ondata di provvedimenti restrittivi contro i vertici dell’azienda. Il decreto salva-Ilva varato dal governo Monti nello scorso dicembre aveva cercato di ridurre l’impatto negativo sull’occupazione assicurando una certa continuità nella produzione dell’impianto, procedendo contemporaneamente alla bonifica delle aree maggiormente a rischio ( zone di smaltimento rifiuti pericolosi e inquinanti, vasche di sversamento delle scorie liquide e camini degli altoforni ) e alla ristrutturazione del sistema produttivo dell’impianto adeguandolo alle previsioni di legge.

Il nuovo provvedimento di confisca, però, fanno sapere dal quartier generale del gruppo tarantino ha “oggettivi effetti negativi sulle possibilità di continuare a produrre perché, pur non colpendo direttamente impianti o prodotti, priva l’azienda di beni strumentali indispensabili all’attività industriale”, risorse patrimoniali e immobiliari soprattutto, per questo tutelati dalla legge 231 del 2012, che aveva già superato il vaglio di legittimità della Corte costituzionale. Ancora più duro il giudizio di Federacciai secondo cui la decisione dell’autorità giudiziaria si pone come “una chiara volontà di chiudere l’impresa siderurgica in Italia.”

Scendono in campo anche i sindacati che preoccupati di probabili ripercussioni sulla già instabile condizione dei lavoratori chiedono garanzie al governo, prefigurando anche la necessità di assunzione di gestione diretta dello stabilimento di Taranto. Il dossier-Ilva e la connessa crisi di lavoro saranno, quindi, non solo al centro del tavolo di domani al ministero dello sviluppo economico ma anche  cima alla lista dell’agenda di lavoro dei prossimi giorni del presidente del consiglio Enrico Letta e dell’esecutivo tutto.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Elio
Elio

Mi domando come mai un blog on line che fa della correttezza dei numeri e dei contenuti il suo cavallo di battaglia, possa dare spazio a simili inesattezze e storpiature giornalistiche: i dipendenti ILVA sono tra diretti e indotto circa 26mila, e soprattutto non e' la magistratura a "non dar pace all'Ilva", ma e' l'ilva con la sua gestione immorale ad essersi posta al di fuori dello stesso paracadute giudiziario della legge salva-Ilva!! Ma come è possibile che anche Termometro Politico si sia allineato al pensiero unico confindustriale che vede nella illegalità nella sopraffazione e nel mancato rispetto dei diritti umani fondamentali, l'unico strumento per fare impresa. Nell'800 ci poteva anche stare il calpestare i diritti alla salute ed a un lavoro dignitoso, per asservirli alla logica del profitto, Nel 2013 no, e fa specie notare come gente che non ha mai messo piede a Taranto possa solo aprire bocca. Vergognatevi!!!

giovanni
giovanni

e come si risolvono i problemi, permettendo al signor Riva di scapparsene col maltolto, dopo aver avvelenato i tarantini? Visto che lui non aveva la minima intenzione di bonificare l'acciaieria, adesso con quei soldi si può fare benissimo. E' un'ottima notizia, tranne per i servi di Riva che infatti si sono dimessi.

nicola
nicola

magistrati e gip di taranto se noi lavoratori affondiamo con l'Ilva, giuro affonderete anche voi.Non si risolvono cosi i problemi.