•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 31 maggio, 2013

articolo scritto da:

La seconda vita di “Fare per fermare il declino”

fare-per-fermare-il-declino

Fare riparte dal “new deal” di Michele Boldrin dopo il declino elettorale. Non sono passati così tanti mesi dalla débâcle elettorale del movimento politico Fare per Fermare il declino (FID), fondato nel novembre 2012 dagli stessi firmatari del manifesto di Fermare il declino, a sua volta pubblicato nel luglio dello stesso anno.

[ad]Autorevoli economisti e professori universitari – perlopiù di base negli Stati Uniti – hanno contribuito a stilare dieci proposte da mettere subito in pratica, per salvare l’Italia dagli effetti disastrosi di un debito pubblico incontrollato.

Come noto, Oscar Giannino è stato il candidato alla presidenza del Consiglio dei ministri alle Politiche di febbraio ed allo stesso tempo il suo “carnefice” per via della famigerata bugia sulla laurea mai conseguita. Forse anche per questo motivo, Fare ha ottenuto 1,1% alla Camera (380.756 voti) e poco più dell’1% dei consensi al Senato (278.404). Un risultato insufficiente ad eleggere propri parlamentari, non avendo superato lo sbarramento del 4% a Montecitorio e quello dell’8% a Palazzo Madama previsti dal Porcellum per le liste che corrono da sole.

Ma, lasciatosi alle spalle il periodo di crisi, il movimento ha organizzato un congresso l’11 ed il 12 maggio, durante il quale Michele Boldrin – uno dei fondatori di Fare e docente di economia presso la Washington University – è stato proclamato presidente, al posto della reggente pro tempore Silvia Enrico. Eppure ha precisato di sentirsi soltanto un “traghettatore”.

Boldrin non sembra amare molto le etichette: non si proclama liberista – nonostante ne condivida sostanzialmente l’impianto teorico – né tantomeno vuole posizionarsi all’interno di un determinato schieramento politico. L’economista veneto è deciso nel ripartire dalle proposte del manifesto, alla cui redazione ha contribuito in prima persona. In questo modo, spera di ricercare un “altrove” politico, cioè una collocazione “fattiva”, entro la quale coinvolgere altri movimenti civici ed associazioni di settore, quali artigianato e PMI. Insomma, è ufficialmente entrato nell’agone partitico italiano, dopo aver rifiutato la candidatura alle scorse elezioni politiche.

Alle recenti Comunali il Movimento non è stato a guardare, nonostante non abbia raggiunto risultati soddisfacenti: a Brescia, il movimento ha appoggiato la lista civica del candidato sindaco Francesco Onofri (terzo con il 7,43% delle preferenze); nella città di Siena, invece, la civica di Enrico Tucci – Cittadini di Siena –, sostenuta da FID, si è assestata al 6,64%; infine, Noi Adesso Pisa, che ha ospitato tra le sue fila un’influente aderente locale – Donatella Lauro – è arrivata a pochi punti dall’aspirante sindaco del centrodestra (9,97% contro il 12,58% dell’avversario).

Ovviamente, la presenza del Movimento 5 Stelle oscura di gran lunga il partito di Boldrin, che, d’altra parte, non intende cedere il passo ai grillini su temi come la razionalizzazione della spesa statale, il ricambio generazionale in Parlamento e la risoluzione della questione morale in politica.

michele boldrin fare per fermare il declino

L’affermazione dei 5 Stelle ha sconvolto i piani dei neonati movimenti, costretti così a dover rincorrere patenti di verginità politica, senza curarsi delle proposte. Fare sembra aver preso una direzione parallela, rimanendo si coerente all’originalità del suo programma (esclusivamente) economico, ma fuori dai giochi decisionali, relegata alla condizione di alternativa dell’alternativa, in attesa di un insperato nuovo corso. C’è da chiedersi – basteranno 30 anni di insegnamento negli USA a risollevare un paese ormai in crisi da più di vent’anni?

giannino fare per fermare il declino


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

6 comments
Antonio Gravina
Antonio Gravina

Ma non sarebbe il caso di smetterla di perderci delle cose 'state' tipo Giannino che si è fatto l'autogol al 90esimo minuto o di Grillo showman da retrosipario che non ci interessano più ? Ma noi ci crediamo ai 10 punti? Siamo disposti ad avere fede nei principi di quanto essi professano? Bene, allora rimbocchiamoci le mani e andiamo avanti: dobbiamo essere scelti e seguiti per quello che diciamo e che facciamo a testa alta: dobbiamo poter mostrare sempre un atteggiamento fiero e regale perché nel nostro cuore c'è la voglia di voler cambiare questo modo asfissiante di fare politica e rendere l'aria più ossigenata per noi, per i figli e nipoti, per le aziende, per l'economia italiana.

Alfonso Raimo
Alfonso Raimo

Spero seriamente nella rinascita di questo partito al di là del narcisismo di Giannino. Sarebbe l'unica prospettiva seria in una scena politica tristemente dominata da slogan e continui proclami elettorali...

Sandro
Sandro

Congratulazioni ai pisani che hanno scelto di schierarsi, diversamente da quanto voleva la dirigenza in campagna elettorale, e che hanno scelto compagni di strada validi come i Fratelli d'Italia! Magari la stessa alleanza si ripresentasse in più occasioni... anche meno locali!

floyd
floyd

FID deve abbandonare definitivamente Giannino. Gli anti-statalisti italiani non possono essere ritenuti non credibili a causa di un egocentrista del genere. Il messaggio di Fare (riduzione dell'aggressività dello Stato, in una parola: non violenza) resta un messaggio sacrosanto. Giannino è un povero malato che ha protratto più menzogne per anni, è una persona affetta da un narcisismo morboso che abbisogna di una psicoterapia pluriennale. Per quanto riguarda le differenze con il 5 Stelle. Sui costi della politica, sull'onestà, sul federalismo e sulla richiesta (almeno) di un referendum circa l'adesione all'UE i due soggetti politici sono in sintonia. In materia economica però non ci siamo: Grillo reclama una presenza ancora più massiccia dello Stato, mentre l'Italia al contrario avrebbe bisogno di privatizzazioni, avrebbe bisogno di rilanciare l'iniziativa e la responsabilizzazione personale. Occorre un'etica protestante, basta con l'assistenzialismo e con l'egualitarismo, non si può più continuare a sbolognare il debito alle generazioni future, ciò è moralmente criminale.

Rolando Martins
Rolando Martins

Danno tanto del pagliaccio al povero Grillo, che ha il merito di aver finalmente dato una bandiera ai milioni di italiani esasperati dalla inettitudine e dalle scandalose ruberie di una classe politica che ha portato l'Italia sull'orlo del fallinento, ma questo Oscar Giannino, che anziché farsi dimenticare si esibisce addirittura con una giacca rossa, dimostra che il vero pagliaccio nazionale è lui

dduck
dduck

Verissimo sulla cazzata di Giannino. e apprezzo anche la tua battuta sull' abbigliamento, resta il fatto che Giannino dice cose giuste, Grillo cretinate.