•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 28 giugno, 2013

articolo scritto da:

Lele Mora in aula “Ad Arcore abuso di potere e degrado”

Lele Mora ha rilasciato, nella mattinata odierna, dichiarazioni spontanee in aula durante il processo Ruby bis (quello che lo vede imputato per favoreggiamento ed induzione alla prostituzione assieme a Emilio Fede e Nicole Minetti).

Le dichiarazioni dell’ex manager confermano, grossomodo, tutto ciò che è uscito sui giornali in questi anni : “In questa vicenda ammetto che ci sono state dismisura, abuso di potere e degrado, tre parole che ho letto sui giornali e che condivido”. Il riferimento è al giornalista di Repubblica Giuseppe D’Avanzo, scomparso due anni fa, che questi termini aveva utilizzato in svariati articoli sui presunti festini a luci rosse ad Arcore e sulle pressioni di Silvio Berlusconi sui funzionari della Questura di Milano, beccandosi, come risposta dall’allora premier, l’epiteto di “signor Stalin”.

[ad]“È vero” – continua Mora – “ho partecipato alle feste di Silvio Berlusconi ad Arcore, è vero, ho accompagnato alle cene alcune ragazze, ed è anche vero che ho ricevuto un prestito da Berlusconi tramite Emilio Fede che avrebbe salvato la mia società. Ma non ho mai voluto condizionare le ragazze, non ho mai giudicato i loro comportamenti e non ho mai orientato le loro condotte con costrizione”.

C’è spazio anche per le scuse: “Quando sono stato scarcerato pensavo alle tante polemiche che ho fatto contro i giornalisti e i comunisti, con minacce di cui mi vergogno”. “Voglio chiedere scusa a tutti. Il carcere ti obbliga a momenti di rilettura della vita e io voglio uscire da quella bufera infernale che mi ha tolto la luce”. “Mi sono assunto le mie responsabilità per i fatti che mi hanno portato in carcere e per quelli di questo giudizio valuterete voi giudici”.

 

Dichiarazioni forti. Talmente forti che Mora, resosi conto di aver potuto indirettamente arrecare un danno a Silvio Berlusconi, se l’è rimangiate appena ha messo piede fuori dal Palazzo di Giustizia di Milano. “Ad Arcore non c’è stato niente di male, l’amicizia non è una cosa che uno ti dà, ma si sceglie. Se ho scelto di avere un amico come Berlusconi che ancora credo sia tale e che rispetto, sono orgoglioso di andare a cena da lui se mi invita. Non è uno che fa prostituire la gente” ha detto Mora.

Ai cronisti che lo incalzavano su quel riferimento fatto in aula al “degrado” e all’ “abuso di potere”, l’ex talent scout ha risposto: “Io forse ho sbagliato a non essere più attento, ma ad Arcore non c’è mai stata prostituzione; ho solo detto quello che ha riportato un giornale”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento