•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 4 settembre, 2013

articolo scritto da:

Intervento Siria probabile sì del congresso Usa

obama shutdown

Non c’è ancora il “sì” del Congresso – per una decisione occorrerà aspettare vari giorni – ma sembra molto probabile che il Parlamento degli Stati Uniti arrivi a dare al presidente Barack Obama l’assenso per l’intervento militare in Siria.

Ieri infatti si è tenuto un incontro con il presidente della Camera, il repubblicano John Boehner, la leader dem alla Camera Nancy Pelosi, nonché il capo dei repubblicani al Senato Mitch McConnell (c’erano anche i rappresentanti delle commissioni sicurezza nazionale e forze armate).

Se Obama ha ribadito che nelle sue intenzioni c’è “un intervento limitato e proporzionato” che possa dare un messaggio chiaro ad Assad e ad altri stati “che volessero sfidare le norme internazionali, usando le armi chimiche”, un segno concreto di assenso è già arrivato dal presidente repubblicano della Camera: “È necessario rispondere all’attacco con armi chimiche in Siria: solo gli Stati Uniti hanno la capacita di fermare Assad” ha detto Boehner, che ha invitato gli altri parlamentari del suo partito a condividere quella posizione.

obama marijuana

Dubita della possibilità che il Congresso americano possa bocciare la richiesta di intervento inoltrata da Obama Nancy Pelosi (e anche Hillary Clinton appoggia il pensiero di Obama): a questo punto, sarà la discussione, con la successiva votazione, a dire effettivamente di quali numeri dispone Obama sulla Siria. E’ anche già pronta una bozza di accordo, per lo meno in Senato, concordata dai leader della commissione Esteri: si prevederebbe un tempo limite di 90 giorni per l’intervento in Siria, escludendo espressamente la possibilità di inviare truppe di terra.

E se la Pelosi avesse torto e il voto fosse negativo? John Kerry, capo del Dipartimento di Stato, ascoltato dalla stessa commissione ha aperto uno scenario non definito: “Qualora il Congresso votasse contro l’azione militare, non so che farà Obama. Non me lo ha detto”. Parla di nuovo, infine, il presidente russo Vladimir Putin, con una piccola novità: se continua a bocciare ogni attacco unilaterale alla Siria, che non sia sotto l’egida dell’Onu (“Sarebbe un’aggressione”), per la prima volta sostiene che, in caso di prove inconfutabili sull’uso di armi chimiche da parte del regime di Assad, “saremo pronti ad agire nel modo più deciso e serio.

In seguito Obama, nel corso di una conferenza stampa a Stoccolma, lancia un appello agli altri stati: “Di fronte alla barbarie che si sta verificando in Siria la comunità internazionale non può restare in silenzio“. Una risposta simile a quella data a chi della stampa gli chiedeva se non ci fosse un contrasto tra la sua posizione attuale e il premio Nobel per la pace vinto a suo tempo: “Non possiamo restare a guardare”.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments