•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 20 settembre, 2013

articolo scritto da:

L’Italia perde ancora. Il Mondiale si allontana

Son bastate 48 ore a toglierci ogni sorriso.In due giorni l’Italia saluta prima l’Europeo e poi la qualificazione al prossimo Mondiale. Dopo la sconfitta contro la Lituania a darci un’altra sofferenza ci pensa l’Ucraina.

La finale di consolazione comincia in maniera equilibrata: la posta in gioco è di quelle che contano. Gli azzurri appaiono concentrati e sicuri di sé: Melli e Gentile mettono due triple consecutive e il primo quarto si chiude 17-13.

Finalmente i ragazzi di Pianigiani dominano a rimbalzo e sono solidi in difesa. Il secondo quarto vede i nostri avversari cresce costantemente.

La rivelazione Mishula, dopo la buona prova contro la Croazia, si carica sulle spalle la squadra ucraina piazzando 5 punti consecutivi e portandosi a meno uno dall’Italia. La nostra nazionale però gira bene palla e Aradori piazza un importantissimo tiro da lontano. Si continua a combattere punto a punto, Datome perde due palle di fila e l’Ucraina va addirittura in vantaggio. Il nostro capitano si riscatta subito: si prende con coraggio una tripla e rimedia alle palle perse in precedenza.

Europeo dal finale amaro per Coach Pianigiani

Europeo dal finale amaro per Coach Pianigiani

L’inerzia è dalla nostra parte: gran contropiede azzurro con Cinciarini che serve Aradori , miglior marcatore azzurro con 12 punti in 15 minuti. Alessandro Gentile compie una giocata mostruosa: percorre tutto il campo in felicità, ribalta l’azione e schiaccia con violenza in faccia a due avversari. A Gentile risponde subito Jeter: tripla e vantaggio ucraina. Il secondo quarto si conclude così sul 35-34 a favore dei nostri avversari. Le statistiche dei falli non ci sorridono affatto: Cusin arriva alla fine del primo tempo con 3 falli commessi e costringe Pianigiani a fare a meno del suo libero titolare per diverso tempo.

Il secondo tempo inizia così come si era concluso il primo: Jeter a segno e Italia a inseguire. La nostra nazionale  è frettolosa in attacco e non riesce a far girare palla con la tranquillità del primo quarto. Ne consegue una partita nervosa e piena di errori al tiro: gli ucraini mantengono il vantaggio senza particolari patemi.

All’Italia saltano i nervi quando gli arbitri infliggono un fallo tecnico agli azzurri, che scivolano a 7 punti dall’Ucraina e vedono il Mondiale allontanarsi pericolosamente. I lunghi ucraini chiudono ogni nostra penetrazione e stoppano senza pietà i tentativi di Belinelli e Aradori. Come nei quarti contro la Lituania l’Italia smette di correre e subisce un sorprendente blackout. I nostri avversari scappano a dieci punti di vantaggio e Pianigiani chiama il time out.

Il momento è delicatissimo:  la confusione annebbia le menti degli azzurri, che continuano a prendere tiri azzardati. Belinelli e compagni rimangono a secco per 5 minuti: assistiamo ad un film già visto contro i lituani. Quando tutto sembra perduto Melli piazza una tripla fondamentale subito cancellata dalla magia di Jeter. Il play maker naturalizzato ucraino decide la partita con due canestri difficilissimi e allontana le minacce azzurre.  La terza tripla di Melli alimenta le nostre flebili speranze, Aradori le infiamma mettendo a segno due tiri liberi che valgono il meno cinque. Sul più bello però Cinciarini si fa stoppare e Jeter dalla lunetta non perdona.

L’ultimo quarto ci punisce nuovamente: la partita si conclude 58-66. Per la nostra Nazionale un Europeo cominciato in maniera entusiasmante si chiude nella maniera più brutta: Lituania e Ucraina ci hanno tolto sia l’Europeo che il Mondiale.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento