•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 23 settembre, 2013

articolo scritto da:

Mondo sotto accusa: In Africa usate armi chimiche e nucleari

Mondo sotto accusa: In Africa usate armi chimiche e nucleari

Per settimane il mondo è stato vicinissimo ad una nuova guerra umanitaria a causa dell’uso di armi chimiche nella guerra civile siriana.

Non solo. Se la guerra ci fosse stata avremmo assistito probabilmente ad un drastico raffreddamento delle relazioni tra Washington e Mosca che, a sua volta, avrebbe prodotto un clima diplomatico internazionale di attrito azzerando quel po’ di cooperazione che si cerca di realizzare nei rapporti tra le potenze mondiali.

Tutto questo perchè le armi chimiche vengono considerate un arma di distruzione di massa e le grandi potenze non vogliono che questi strumenti bellici si diffondano. Ci sarebbe naturalmente da obiettare su ciò che vogliono le grandi potenze, ma per il momento vorrei fare un discorso che esula dalle solite accuse alle grandi potenze mondiali.

africa

Vorrei che fosse chiaro che l’opposizione all’uso di armi chimiche, sulla carta, è voluto perchè si tratta di armi che possono uccidere migliaia di persone in un arco di tempo ristretto. Sono, in sostanza, armi di distruzione di massa.

Oltre alle armi chimiche sono annoverate tra questi strumenti bellici le armi batteriologiche e biologiche e quelle nucleari.

La domanda che mi faccio è: che nome dovremmo dare alle armi che hanno prodotto nel nostro recente passato quasi un milione di morti nella guerra civile in Ruanda in soli tre mesi nel 1994?

E di che tipo di armi si è trattato nel caso della guerra in Congo combattuta tra il 1998 e il 2003 che ha causato, secondo fonti Onu, tra i quattro e i cinque milioni di morti?

Questi soli due esempi che ho citato sono l’equivalente dei morti che avrebbero potuto fare qualche centinaia di migliaia di chilogrammi di iprite, o di gas nervino, o altre schifezze del genere. Ma la verità è che di armi chimiche nel mondo non ne esiste una tale quantità.

Allo stesso modo per produrre in tre mesi un milione di morti ci sarebbero volute qualche decina di bombe atomiche come quelle usate a Hiroshima e Nagasaki.

In Congo e in Ruanda l’arma di distruzione di massa era il machete e il Kalashnikov.

In realtà perchè ci siano armi di distruzione di massa ci vogliono menti capaci di usarle. E quando ci sono le menti vale tutto, qualunque arma.

 

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento