•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 23 settembre, 2013

articolo scritto da:

Draghi: “Più fiducia, ma troppi disoccupati”

draghi

La fiducia cresce, ma con molta lentezza; la disoccupazione invece è decisamente troppo alta e la ripresa tarda ancora a farsi sentire. E’ questo il contenuto principale del discorso che Mario Draghi ha tenuto oggi presso il Parlamento Europeo.

Dopo la terza vittoria consecutiva di Angela Merkel in Germania, il Presidente della Banca centrale europea non ha nascosto le sue preoccupazioni per una ripresa europea ancora troppo lenta, confermando la sua strategia ormai consolidata: “La politica monetaria resterà accomodante, con tassi di interesse destinati a rimanere sugli attuali livelli o ancora più bassi”.

I tassi dunque potrebbero scendere ancora rispetto allo 0,5% attuale, rimanendo a quel livello finché la situazione lo richieda: ciò, del resto, è possibile perché “nel medio e lungo termine le attese per l’inflazione continuano a stare fermamente ancorate, in linea con la stabilità dei prezzi”, con un tasso di incremento dei prezzi ben inferiore alla soglia del 2% determinata dalla Bce.

mario draghi europa banconota 5 euro

“I dati sulla fiducia – ha spiegato Draghi – sostengono la visione secondo cui l’attività economica della zona euro dovrebbe continuare la sua lenta ripresa nell’attuale trimestre, nonostante la produzione debole a luglio”. Questo è indubbiamente un dato positivo, ma altri sono meno soddisfacenti.

Innanzitutto “La disoccupazione nella zona euro resta troppo elevata e la ripresa dovrà essere ristabilita con fermezza”, ma a destare perplessità nel presidente della Banca centrale europea è anche il credito: la ricapitalizzazione delle banche non ha dato fiato a quel settore, “sono diminuiti i prestiti a privati e imprese e questo riflette lo stato del ciclo economico”. Anche per questo la Bce si è detta pronta a immettere nuova liquidità “se necessario” sul mercato, magari concedendo di nuovo un finanziamento illimitato alle banche come accaduto a dicembre 2011 e febbraio 2012.

Da ultimo, Draghi ha sottolineato il bisogno di riforme strutturali dell’economia e della finanza nei vari stati, perché possa calare la tensione degli operatori finanziari: “Gli spread riflettono ciò che accade nei Paesi e al minimo segno che qualcosa va male i mercati vanno indietro, perciò è importante che i Paesi proseguano le riforme”.

Gabriele Maestri


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da: