•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 16 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Speciale Nordland, presentato il governo in Norvegia

Diciotto dicasteri, undici alla Destra e sette al Partito del Progresso: in Norvegia è stato presentato il nuovo governo.

A guidarlo sarà la leader della Destra in Norvegia Erna Solberg. Nessuna sorpresa nella lista dei ministri, molte scelte erano già state anticipate dalla stampa nelle ore precedenti. Perfetto l’equilibrio tra i sessi: nove gli uomini e nove le donne. Età media 43,6 anni.

Siv Jensen, leader del Partito del Progresso, prende il ministero delle Finanze: da lì proverà a muoversi sul sentiero del ‘meno tasse e tagli alla spesa’ tanto battuto in campagna elettorale. Al suo partito vanno anche altri dicasteri di peso: Tord Lien guiderà quello del Petrolio e dell’Energia. Ketil Solvik-Olsen prende i Trasporti. Ad Anders Anundsen il ministero della Giustizia. Lavoro a Robert Eriksson. La sensazione è che Siv Jensen con questi uomini voglia portare il partito in una fase nuova, più moderata e adatta ad affrontare le nuove sfide.

Siv Jensen (a sinistra) insieme a Erna Solberg

Siv Jensen (a sinistra) insieme a Erna Solberg

La Destra gestirà il dicastero della Difesa con Ine Marie Eriksen Søreide e la Cultura con Thorhild Widvey. Il ministero della Salute (su cui anche il Partito del Progresso aveva messo gli occhi) sarà guidato da Bent Høie. Esteri a Børge Brende. La Scuola a Torbjørn Røe-Isaksen. Un elenco di personaggi di spessore, uomini e donne di cui Solberg e Jensen si fidano.

A Oslo il passaggio di consegne è dunque stato ultimato. Erna Solberg è da poche ore ufficialmente al timone della Norvegia. L’ex primo ministro laburista Jens Stoltenberg aveva rassegnato le dimissioni lunedì scorso e nel primo pomeriggio di oggi ha consegnato le chiavi del suo ufficio a Solberg. Si chiude una pagina di governo durata otto anni e insieme si chiude una stagione politica.

Dagli anni ’60, dai tempi cioè di Einar Gerhardsen (il landsfaderen, il “padre della patria) nessuno era riuscito a restare al governo così a lungo. Per la Norvegia è un passaggio simbolico. “Cari amici, grazie per questi otto anni fantastici” ha twittato Stoltenberg lunedì pomeriggio, pubblicando una foto che lo ritrae mentre si accinge a firmare la lettera di dimissioni: un’immagine a suo modo storica.

Jens Stoltenberg, ex primo ministro norvegese

Jens Stoltenberg, ex primo ministro norvegese

Stoltenberg è stato un primo ministro amatissimo, e in modo trasversale. Nel simbolico passaggio delle chiavi dell’ufficio, Solberg ha avuto per Stoltenberg parole di stima e rispetto: “Sarai ricordato nei libri di storia come uno dei più grandi primi ministri della Norvegia”.

Ora l’ex premier guiderà il partito in Parlamento, e ha già cominciato a colpire ai fianchi il governo di centrodestra lanciando un messaggio a liberali e cristiano popolari, che appoggiano dall’esterno l’esecutivo di Solberg: “Potrebbero ottenere molto di più collaborando con noi” ha detto. Mancano quattro anni alle prossime elezioni, ma Stoltenberg e i laburisti hanno già una gran voglia di riprendersi quei posti lasciati a inizio settimana.

E il suo futuro personale quale sarà? Lascerà il vertice del partito a qualcun altro, come scritto un po’ da tutti subito dopo le elezioni? Oppure guiderà i suoi anche nel 2017? Lui di farsi da parte sembra non averne voglia: è relativamente giovane, ha 54 anni e resta di sicuro il politico di maggior spessore nel partito. Chissà, forse la storia politica di Stoltenberg è tutt’altro che finita. I norvegesi sono i primi ad essere curiosi di vedere come andrà a finire.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento