•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 17 novembre, 2013

articolo scritto da:

Elezioni Basilicata, cala l’affluenza

Elezioni in Basilicata: avanti il centrosinistra

Il 17 e 18 novembre si terranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale della Basilicata e, conseguentemente, per l’elezione del Presidente della Regione. Regione storicamente rossa, sembra profilarsi una facile vittoria del centro sinistra.

La data di novembre 2013 non è, come si può facilmente intuire, la scadenza naturale del mandato consiliare. Infatti le elezioni si erano tenute nel marzo del 2010 ed avevano visto vincere, appunto, il centro sinistra col 60,81% delle preferenze, corrispondente a 202.980 voti, per il presidente Vito De Filippo (che già nel 2005 si era attestato al vertice regionale col 67%).

Ma lo scorso 24 aprile il presidente si è dimesso in seguito all’inchiesta sui rimborsi illecitamente percepiti da due assessori, Vincenzo Viti (Pd) e Rosa Mastrosimone, finiti poi agli arresti, sebbene non coinvolgesse lui personalmente. Nonostante questo ha deciso di non ricandidarsi per le successive elezioni.

Marcello Pittella

La partita, come sopra detto, sembra già scritta: il centrosinistra si dovrebbe riaffermare nella regione dei ‘sassi di Matera’ con relativa semplicità. Il candidato per la coalizione di centrosinistra, coinvolgente Pd, Psi, Idv, Centro democratico e due liste civiche (ma non Sel), è il vicepresidente ed assessore alle attività produttive uscente, Marcello Pittella, fratello del vicepresidente del Parlamento Europeo, Gianni.

La sua corsa per lo scranno più importante di Potenza era cominciata il 22 settembre passato, con la vittoria alle elezioni primarie del centro sinistra. Primarie vinte in modo insperato ed al fotofinish grazie ad un riconteggio dei voti: appena 375 voti di vantaggio (26012 a 25637) rispetto Piero Lacorazza, spalleggiato dal Presidente uscente e da Roberto Speranza, capogruppo Pd alla Camera dei Deputati.

Di fronte a Pittella (junior) si trovano una lunga serie di candidati. Il primo è Salvatore Tito Di Maggio, senatore di Scelta Civica che, grazie alla sua candidatura, ha creato un laboratorio di centro destra del tutto inedito: Pdl, Mir, Udc e Laboratorio Basilicata (ovvero una lista formata da Scelta Civica, Fratelli d’Italia e Grande Sud). Per il M5S il candidato è il 44enne Piernicola Pedicini, successo al tenente della Polizia provinciale di Potenza, Giuseppe Di Bello, eletto attraverso primarie di rete, ma escluso il giorno stesso da Beppe Grillo per irregolarità formali nella presentazione dei documenti.

Salvatore Tito Di Maggio

Sel espone invece l’appena trentenne Maria Murante. Ancora, candidati minori come Elisabetta Zamparutti che ripropone il simbolo de ‘La Rosa nel Pugno’ e Leonardo Rocco Tauro per La Destra e Fiamma Tricolore. Non manca, infine, anche in queste elezioni, una lista diversa dal M5S che però riporti sul suo simbolo, a caratteri cubitali, il nome Grillo: è il Movimento Grillo Lavoro e Pensioni. Il candidato? Franco Grillo. Chiudono le schede la lista civica Matera si muove, con Doriano Manuello candidato ed il Partito Comunista dei lavoratori col 54enne asirante alla presidenza della giunta Florenzo Doino.

Piernicola Pedicini

Tradizionalmente di centro sinistra, la Basilicata si è caratterizzata per l’elezione al vertice della Giunta Regionale di candidati sempre sorretti dai partiti di quella parte. Nella prima repubblica, invece, le presidenze erano di colore bianco: la Dc, infatti, vinceva (e convinceva) con oltre il 40% ogni elezione (storica quella del 1990 col 47,15%).

Il nuovo consiglio, che passerà da 30 membri a 20, sarà costituito così da più anime politiche, spesso antitetiche, che non si sono risparmiate duri colpi nelle settimane passate: si pensi alla denuncia formale, presentata da un’esponente de La Destra che ha protestato per alcune irregolarità sull’orario di presentazione della lista di nomi per un movimento civico a sostegno di Pittella. Ricorso poi accolto il 21 ottobre dall’Ufficio centrale regionale della Corte d’Appello che non ha permesso, quindi, la riammissione della lista civica “Pittella Presidente”. Esclusione infine scongiurata il 25 ottobre attraverso la riammissione della lista grazie al Tar.

Il futuro del nuovo Consiglio che uscirà dalle elezioni in Basilicata sembra quindi prefigurarsi intenso e non facile, anche perché uscente da una legislatura conclusasi anticipatamente per lo scandalo politico economico dei rimborsi elettorali.

Cala l’affluenza – Alle ore 12 di oggi solo il 5,79% degli aventi diritto – che sono 575.160 – aveva votato per eleggere il presidente della giunta regionale della Basilicata e 20 consiglieri regionali nelle 681 sezioni allestite nei 131 comuni lucani. Il dato e’ stato reso noto dal Ministero dell’ Interno. Si registra un calo rispetto alla precedente consultazione elettorale quando, sempre alle ore 12, aveva votato il 7,42% degli aventi diritto. Dal punto di vista provinciale, nel Materano ha già votato il 6,03% degli aventi diritto, nel Potentino il 5,24%. I seggi sono aperti da stamani regolarmente. Le tessere elettorali ancora giacenti sono poche decine a Potenza e circa 300 a Matera.

AFFLUENZA ORE 22 DOMENICA 17 NOVEMBRE 2013

Bassa l’affluenza che ha visto, alle 22 di ieri, la partecipazione al voto dell’appena 32,51% dei 570 mila aventi diritto.

Si tratta di quasi 13 punti percentuali in meno rispetto alle precedenti consultazioni. Lo attestano i dati del ministero dell’Interno.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

35 Commenti

  1. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    beh ci mancherebbe…siamo una delle poche regioni rosse rimaste

  2. Davide Brigo Brighenti ha scritto:

    Come se fa a votare ste merde di PD e PDL?

  3. Alfredo Romeo ha scritto:

    Rosse? il pd è tutto fuorchè un partito di sinistra.. SVEGLIA..

  4. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    ok allora votiamo PDL?

  5. Alfredo Romeo ha scritto:

    io voterei il candidato del m5s se fossi un lucano.. al più il candidato di sel… di certo non rivoterei mai uno del pd.. dopo gli scandali successi.. è da masochisti.. ne tanto meno uno del pdl ovviamente!

  6. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    ok votiamo SEL così un voto viene perso. Sinceramente votare il m5s è alquanto ridicolo, sono contro queste forme demagogiche di populismo. Tu cmq rimani della tua idea e vota quei ridicoli bambocci messi li dal comico, io voto PSI

  7. Angelo Caruso ha scritto:

    Ma sti grillini scrivono tutti le stesse cose…

  8. Giacomo Giuralarocca ha scritto:

    demagogia dire: basta f35, vogialiamo l’acqua pubblica, no al tav, rinunciare a 42 milioni di euro di finanziamento pubblico..mi sa che è più demagogico il tuo cazz di pd

  9. Alfredo Romeo ha scritto:

    il populismo.. significa dare potere al popolo… tengo a ricordarti la costituzioni italiana è nata proprio per quello scopo.. quindi non vedo il problema… il termine populismo è stato volutamente dato volutamente con significato negato dai partiti proprio per mantenere lo status quo. Io credo innanziutto che uno debba votare con coscenza.. e non la persona o il partito ma il programma elettorale..ovviamente se esso sia reale o meno.. (mi ricordo che il pd diceva di essere contro all’acquisto degli F35 e poi in parlamento hanno votato a favore… ).. “votiamo SEL così un voto viene perso” mi sembra un discorso RIDICOLO… uno vota chi più lo rappresenta…. ti ripeto.. cmq ti ripetoche il pd di “rosso” non ha più nulla… sono DEMOCRISTIANI.. altro che comunisti.. poi fai come vuoi.. io non li rivoterò MAI più.. ed ero uno di quelli che li ha votati per anni!

  10. Toni Leonardi ha scritto:

    la Basilicata rossa? Quando mai il Pd è stato un partito di sinistra!?

  11. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    Se sapessi leggere avresti capito che voto PSI…buona giornata

  12. GargIce ha scritto:

    Bisogna dare atto a De Filippo (nonostante fosse estraneo alla vicenda) della correttezza della sua scelta, rara in Italia. Ahimè nel PD e nell’accozzaglia alleata non ci sono tutte persone così, forse per questo non si è ricandidato. Se fossi nei Lucani voterei tutto tranne i partiti che continuano a difendere queste pratiche e soprattutto i rimborsi. Le cifre non sono enormi ma è una questione di principio: la politica fatela con i soldi vostri. Penso che l’affluenza sarà molto bassa, mi auguro un’esemplare mazzata ai danni dei partiti più radicati.

  13. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    atteggiamento ideologico che, sulla base di principî e programmi genericamente ispirati al socialismo, esalta in modo demagogico e velleitario il popolo come depositario di valori totalmente positivi.

  14. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    vai a scuola tu e il m5s

  15. Alfredo Romeo ha scritto:

    Guarda che il termine populismo ha veri significati.. al cui negativi (su questo sono d’accordo) altri positivi.. e l’ideale del m5s è quello di dare potere al popolo tramite la DEMOCRAZIA DIRETTA.. sai che significa democrazia diretta almeno prima di criticare a caso?

  16. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    ahahahahaha…si si…si sentono le unghie sugli specchi. democrazia diretta? far votare 20.00 persone per un video su youtube? queste sono pagliacciate…e voi fessi dietro! ahahahah…ora vado a votare…ciao ciao

  17. Giò Morra ha scritto:

    Mah,se votano ancora i vecchi partiti…allora dopo non venissero a lamentarsi..

  18. Alfredo Romeo ha scritto:

    Pagliacciata? Certificare la propria iscrizione tramite invio di carta d’identità.. e si può votare… dov’è la pagliacciata? Troppo difficile da capire? Evidentemente si… io di pagliacciata in politica ne vedo tante… ma questa della democrazia diretta mi sembra una cosa innovativa ed unica altro che pagliacciata!

  19. Giuseppe Maruggi ha scritto:

    ah allora se si invia la carta di identità è una cosa seria…scusa. Hai ragione. Siete 20.000 illusi e ridicoli. Voi criticate il PD intanto è l’unico che fa delle primarie aperte e serie dove votano 2.000.000 di persone, non 20.000. Tornatene da dove siete venuti! Siete solo una massa di disperati che si è fatta imbonire da un pagliaccio. Ora mi sn anche stancato di rispondere a questi stupidi post. Buona domenica

  20. Alfredo Romeo ha scritto:

    E certo se non mandi la carta d’identità… come si fa a verificare i dati della persona iscritta? Spiegamelo grazie… il pd fa primarie aperte.. ed uno paga pure 2 euro… per primarie per lo più truccate.. in cui si sa già chi vincerà… dai su per favore… si prendono 48 milioni di euro di rimborsi elettorali (dopo che un referendum aveva sancito l’eliminazione del finanziamento pubblico ai partiti) e poi fanno ridicole primarie per decidere il nulla… visto che poi fanno sempre come cazzo pare a loro… suvvia.. questa è IPOCRISIA…

  21. Francesco Santarsiere ha scritto:

    Il CSX otterrà una maggioranza bulgara nella mia regione…
    Alla gente non frega nulla degli scandali. Finché avranno un tetto sopra la testa e un piatto in tavola, continueranno a votare per i ladri…
    Senza contare che ci sono tantissime persone che mangiano proprio grazie ai partiti, anzi AL partito, visto che in Basilicata esiste solo il PD…
    Quindi secondo me stravincerà ancora una volta il CSX…
    Spero solo che il M5S possa fare una buona opposizione…

  22. Silvia Petrin ha scritto:

    Giuseppe, visto che vi vantate tanto delle primarie del Pd, mi spieghi come mai di tutti questi iscritti tantissimi sono cinesi o albanesi che prendono la tessera dal giorno alla notte e poi votano? Saranno veramente informati sui candidati, o più probabilmente sono pagati da qualcuno?

  23. Giacomo Giuralarocca ha scritto:

    PSI?? ahahah ma lo dici pure orgoglioso scrivendolo su fb? ahaha

  24. Vito Martinelli ha scritto:

    PD – PDL e F.I. rappresentano il compromesso storico di oggi, forze paralizzanti falsamente progressiste oltre che massoniche. altro non sono che attori che recitano un copione prestabilito sul palco scenico della politica a cui il cittadino deve pagare il caro “biglietto”

  25. Diana Sa ha scritto:

    Ci sono altri Pitella in giro x il PD? Ma nn lavora nessuno in quella famiglia?

  26. Vito Casale ha scritto:

    ma come non dovrebbe trionfare il M5S???

  27. Vito Casale ha scritto:

    le tessere non contano per votare alle primarie del PD silvia, alle primarie voterà chiunque

  28. Sfuggente Mascetti ha scritto:

    No sono come i piddini che credono a quello gli dice il tg3 http://www.youtube.com/watch?v=GHD5lRctElk

  29. Sfuggente Mascetti ha scritto:

    E ascolta chi si e giovato del porcellum in questi anni Dato che sicuramente le televisioni piddine e berlusconiane non te lo diranno mai

  30. Angelo Caruso ha scritto:

    Chi ti dice che voto pd o pdl Sfuggente Mascetti

  31. Silvia Petrin ha scritto:

    Ma solo dopo aver pagato, ovviamente.

  32. Vincenzo Soricaro ha scritto:

    non si può neanche commentare! un indagato candidato

  33. Toni Leonardi ha scritto:

    Vito Casale, i tecnici competenti di cui parli, sono proprio quelli che hanno rovinato la nazione. Hanno rubato e saccheggiato, depredato, corrotto, inquinato, svenduto la sovranità ai banchieri europei. È proprio per questo che il M5S nasce. Per prendere a calci nel culo i bastardi ladri di cui tu parli. I nostri cittadini portavoce stellati in sette mesi hanno acquisito più competenze del più furbo dei tuoi etnici di minchia.

Lascia un commento