•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 novembre, 2013

articolo scritto da:

Focus: Le parole dei candidati sul congresso Pd (Civati e Pittella)*

civati pittella

Sul congresso Pd pubblichiamo la seconda parte dell’analisi di Giovanni Laccetti che passa al microscopio le parole con cui i candidati si propongono a guidare il loro partito. Dati offerti per capire meglio e, volendo, scegliere. Dopo Renzi e Cuperlo, stavolta tocca a Pippo Civati e Gianni Pittella.

Alla vigilia di un Congresso del PD che si preannuncia all’insegna del “chi rompe paga e i cocci sono suoi”, ho scoperto che un indice di leggibilità tira molto più di un carro di buoi. C’è un grande interesse intorno alle scelte linguistiche dei candidati e alcuni amici mi hanno chiesto di completare il lavoro che avevo fatto sugli appelli al voto mandati via mail da Renzi e Cuperlo integrandolo con alcune note anche su Pittella e Civati.

Ebbene, dal punto di vista della forma Pittella punta su un messaggio molto breve, di appena 1240 caratteri, contro i 3158 di Civati (calcolati escludendo il sondaggio in calce; ricordiamo che Renzi aveva scritto 5228 caratteri, e Cuperlo ne aveva infilati 5007). Renzi resta il migliore per quanto riguarda la semplicità della comunicazione: la difficoltà del testo di Pittella, secondo l’indice Gulpease, è del 47,7% (per comprenderlo ci vogliono almeno quindici anni e mezzo), mentre con il testo di Civati si sentirebbe a suo agio un sedicenne (Gulpease 49,3%). La lunghezza delle frasi avvicina lo scritto di Pittella a quello di Cuperlo (5 frasi ogni 100 parole, contro le 5,3 di quest’ultimo) e allontana Civati da tutti gli altri: il candidato preferisce infatti frasi molto lunghe, generalmente evitate nella comunicazione politica, concludendo appena 3,6 frasi ogni 100 parole.

leggibilità congresso pd civati pittella

www.italianlp.it

Dal punto di vita del contenuto, il breve scritto di Pittella è interamente incentrato su PD, e dunque sul Congresso: solo 2 frasi su 11 non parlano di Partito Democratico ma di visione del Paese più in generale, e sempre in relazione a dibattiti che hanno animato o animano il PD. La richiesta di sostegno non contiene la parola “vittoria”: la frase chiave è “Ti chiedo di sostenermi, perché la mia candidatura aggiunge una posizione chiara, netta, radicale al dibattito congressuale”.

testo pittella congresso pd

Anche Civati è tutto sul Congresso: solo 7 frasi su 22 non ne parlano direttamente. Rispetto a Pittella sembra più intenzionato a coinvolgere chi legge in un progetto di cambiamento, al punto da inserire in calce un questionario (non recensito in questa sede per uniformare le valutazioni) che richiede il parere degli iscritti su temi di politica nazionale e questioni interne al PD.

civati appello congresso pd

Civati, insomma, prova concretamente a vincere, e le cinque parole che emergono dal suo scritto, in ordine di rilevanza, sono: elettore, alternativa, campagna, sinistra e candidato.

Il testo di Pittella è troppo breve per estrarre cinque termini rilevanti: dobbiamo accontentarci di partito, candidato e futuro.

Nuvola occorrenze civati pittella congresso pd

* Le analisi linguistiche all’interno di questo articolo sono state realizzate con il software READ-IT, sviluppato da Italia NLP Lab – www.italianlp.it, Istituto di Linguistica Computazionale “A. Zampolli” (ILC) – www.ilc.cnr.it, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), area di Pisa.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

6 comments
Giancarlo De Luca
Giancarlo De Luca

ma non possono andare a cagare tutti insieme allegramente? io voterei alfano mi sembra più di sinistra

Carlo Scatozza
Carlo Scatozza

infatti voto pittella perchè la politica ha bisogno della sua complessità , troppe semplificazioni sono di moda ma non hanno a che fare con ragionamenti e pensieri lunghi