•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 29 novembre, 2013

articolo scritto da:

Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici, 12,5%. Record tra i giovani: 41,2%

Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici

Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici. Nessuna buona notizia. I dati provvisori di Ottobre 2013 rilasciati oggi dall’Istituto Nazionale di Statistica non evidenziano segnali di ripresa e delineano un Paese ancora in piena crisi occupazionale.

Il tasso di disoccupazione resta ai massimi storici e si attesta al 12,5%, segnando lo stesso valore di settembre: si tratta, ancora una volta, del livello più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre 1977. Anche il numero di occupati (22 milioni 358 mila) resta sostanzialmente fermo rispetto al mese precedente, mentre cala dell’1,8% su base annua: si contano cioè 408 mila persone in meno a lavoro.  Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 189 mila, rimane bloccato rispetto al mese precedente ma aumenta quasi del 10% su base annua, più 287 mila.

GIOVANI – Sul fronte giovani si registrano i dati peggiori: la crisi qui è nera. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati o disoccupati), è pari al 41,2%, in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 4,8 punti nei dodici mesi. E ancora: a ottobre 2013 risultano occupati 946 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in calo dell’1,4% rispetto al mese precedente e addirittura del 13,7% su base annua. In soldoni i disoccupati tra 15 e 24 anni sono 663 mila. Non va di certo meglio ai più grandicelli: per la fascia di età 18-29 anni il tasso di disoccupazione si attesta al 28% (+5,2 punti su base annua), con un numero di disoccupati che giunge a 1 milione 68 mila (+17,2%).

NORD E SUD – La disoccupazione in Italia non fa troppe differenze a livello geografico: il dato è uniforme anche se la riduzione del numero di occupati è più intensa nelle regioni meridionali. Al Nord l’occupazione scende al 64,5% (-0,7 punti percentuali rispetto al terzo trimestre 2012), al Centro al 59,6% (-1,3%) e nel Mezzogiorno al 41,9% (-2,1 punti percentuali).

UOMINI E DONNE – Male anche il dato che si sofferma sulle differenze di genere: in termini tendenziali infatti la disoccupazione cresce sia per gli uomini (+14,5%) sia per le donne (+4,6%). Il tasso di disoccupazione maschile, pari al 12,0%, rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta di 1,6 punti percentuali nei dodici mesi; quello femminile, pari al 13,2%, invariato rispetto a settembre, aumenta di 0,6 punti su base annua.

Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici

INATTIVI – Nel terzo trimestre 2013 prosegue l’incremento su base annua del numero degli inattivi (persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate o in cerca di occupazione) in età compresa tra 15 e 64 anni: + 0,7%, pari a 96.000 unità. La crescita, diffusa su tutto il territorio, riguarda nella quasi totalità dei casi gli uomini e soprattutto i giovani tra i 15 e i 34 anni. Riguardo invece i motivi della mancata ricerca del lavoro, significativa la crescita della categoria degli ‘scoraggiati’, ossia coloro che non cercano lavoro perchè ritengono di non trovarlo (+19,1%, pari a 305.000 unità).

EUROPA – Primo timido calo della elevata disoccupazione nell’area euro: a ottobre si è attestata al 12,1%, dal record del 12,2% di settembre. Eurostat ha così contato 61 mila disoccupati in meno in un mese. Il confronto su base annua è però inesorabile: nell’ottobre del 2012 la disoccupazione media dell’area euro era all’11,7 per cento (-0,4%).


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
RobertoCantuni
RobertoCantuni

Stai cercando un lavoro o sei insoddisfatto di quello che hai?Scopri come ottenere tutto quello che vuoi! Chi ha un minimo di speranza, chi crede in qualcosa di diverso, chi crede che il cambiamento sia possibile, può vincere o perdere, chi si arrende e si mette in disparte perde solamente!

Qualcuno ha detto: “Se vuoi raggiungere un risultato, cerca qualcuno che l’ha già raggiunto e fatti spiegare come ha fatto. Poi fai lo stesso”. Da quihttp://www.lavoroadesso.it scarica gratuitamente la risorsa che abbiamo preparato per te!