•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 3 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Disoccupati assaltano la sede del Pd

Disoccupati assaltano la sede del Pd

Disoccupati assaltano la sede del Pd

Sede nazionale del Pd di nuovo presa di mira. Qualche settimana fa furono gli antagonisti staccatisi dal corteo dei No Tav, oggi ci ha pensato un gruppo nutrito di disoccupati napoletani che avrebbero dovuto partecipare a un incontro al Ministero del Lavoro. Oltre che alla sede di Sant’Andrea delle Fratte, i disoccupati hanno manifestano anche presso la fontana di Trevi, stavolta in modo più pacifico, limitandosi a esporre striscioni sul monumento per ore.

A quanto si sa, a compiere l’assalto sono stati gli appartenenti a gruppi noti come Edn (Euro Disoccupati Napoletani) e Gruppo Bros, circa 3mila nel capoluogo partenopeo: si tratta di persone che per molti anni hanno ottenuto circa 500 euro mensili di accompagnamento al lavoro, in cambio della frequenza di corsi regionali sul ciclo dei rifiuti, sulla raccolta differenziata e la bonifica delle coste. Dall’insediamento della giunta Caldoro, tuttavia, nessuno di loro riceve più denaro né è stato concretamente avviato al lavoro per cui è stato formato.

Disoccupati assaltano la sede del Pd

La notizia dell’annullamento dell’incontro al Ministero del lavoro ha scatenato la reazione di una parte dei manifestanti arrivati a Roma: loro, assieme ad altri disoccupati, hanno raggiunto la sede del Pd al Nazareno e hanno fatto irruzione. La polizia però è intervenuta subito, così si è creato uno scontro, durante il quale uno degli uscieri è stato preso a calci e pugni, mentre un suo collega è finito spintonato. I violenti hanno cercato di raggiungere i piani superiori degli uffici, ma sono stati bloccati: rimasti di fatto rimasti chiusi all’interno dell’edificio, i disoccupati dell’irruzione sono stati identificati e portati in commissariato.

In seguito una buona parte dei manifestanti ha raggiunto il quartiere Prati, arrivando in via Fornovo alla sede del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali: hanno trovato un’area altrettanto blindata, con tanto di elicotteri che la sorvolavano. Se lì non è accaduto nulla, c’è stata molta paura alla sede del Pd: “Non esistono buone ragioni per la violenza – ha fatto sapere l’ufficio comunicazione via twitter -. Condanniamo con forza l’aggressione alla sede del Pd e pretendiamo rispetto per chi ci lavora“.

Chi si trovava all’interno dell’edificio ha vissuto “minuti lunghissimi”, con la sgradevole impressione che l’assalto sia stato qualcosa di meditato e praticamente organizzato: “La sensazione – hanno fatto sapere – è che i manifestanti individuassero nel nostro partito il governo. Non essendo stati ricevuti al ministero del Lavoro hanno pensato di irrompere qui».


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

36 comments
Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Certo che, chissà perché, se siamo nel bottino è solo colpa del PD.

Maria Cristina Gnudi
Maria Cristina Gnudi

mi pare solo l'inizio. Naturalmente loro sono stati identificati ecc ecc , gli altri si sono sentiti 'aggrediti' ...SENZA UN PERCHE'!!! e giù a sbrodolare che la violenza non è accettabile e bla bla bla come se la fame, invece, fosse un dono del cielo!

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Il popolo alla fame...senza nessuno a cui fare riferimento. ..si rivolta "alla casta"....una volta c'era il P.C.I. ...baluardo e difensore del proletariato...

Laura Palmieri
Laura Palmieri

Penso che la colpa sia di tutti,,,,non solo di un partito,,,la cosa puzza,,,,,.

Giovanni Branchini
Giovanni Branchini

preoccupante, ma la rabbia degli italiani, in aumento. che stanno male è in aumento .

Roberto Cipollone
Roberto Cipollone

ne hanno denunciati una 50ntina,,,,devono far passare i guai a chi reclama un posto di lavoro ,,, non me la prendo con i politici ma con i servi dello stato ,, MERDE,,,,,,NON SIETE ITALIANI,, SARESTE CAPACI DI SPARARCI ALLE SPALLE SIETE VOI LA VERGOGNA ,, NON CI RAPRESENTATE ,, MERDE

Luigi Babbetto
Luigi Babbetto

E' solo l'inizio ..... Finto partito e finto premier

Salvatore Sardiello
Salvatore Sardiello

E' davvero vergognoso che i partiti abbiano le cassaforti piene e i lavoratori restino senza un soldo :-(

Massimo Romano
Massimo Romano

Dopo 20 anni di orge Berlusconiane tutto quello che succede è colpa del PD......siamo proprio italiani...

Stefano Faccin
Stefano Faccin

Prima li assaltano, poi li rivotano ... Ma almeno hanno dato 4 sberle a chi ci sta dentro a ste sedi?

Antonio Desogus
Antonio Desogus

erano anche mercoledì a palazzo Grazioli....a solidarizzare con Silvio..........

Antonio Desogus
Antonio Desogus

non si vive d'aria ..ma questi sono Parassiti disoccupati a VITAAAA..

Biagio Iannuzzi
Biagio Iannuzzi

Forza Civati parlaci tu!!!!!!!! forza Cuperlo parlaci tu! Forza Renzi parlaci tu!!........andate ben scortati sennò quelli imbufaliti come sono vi cambaino i connotati, mica siete come grillo che può permettersi il lusso di camminare in mezzo alla gente senza scorta!

Angelo Rampino
Angelo Rampino

disoccupati da che? Quale lavoro avevano fatto prima?

Luisa Bacocchia
Luisa Bacocchia

la fame è una cattiva consigliera ,questo è solo l'inizio

Gustavo de Mari
Gustavo de Mari

ma questi sono i professionisti delle "Liste"..ultracinquantenn,i che della disoccupazione hanno fatto una redditizia attività,e imperversano A Napoli dagli anni sessanta....talvolta vanno in trasferta....e talaltra sposano disegni reazionari...erano anche mercoledì a palazzo Grazioli....a solidarizzare con Silvio..........

GustavodeMari
GustavodeMari

Ma questi non sono disoccupati autentici,sono i professionisti storici delle liste di disoccupati napoletani,sono i colleghi di quelli che mercoldì scorso,presidiando Palazzo Grazioli per solidarizzare col delinquente Berlusconi,malmenarono il giornalista di Servizio pubblico e di Piazza pulita,lì per lavoro.Sono quelli che hanno negli anni affondato ogni iniziativa,in verità poche,per avviare ,se non a soluzione,quanto meno a sperimentazione, azioni  concrete di approccio alla problematica.Sono i sostenitori del sussidio,senza prestazione lavorativa,o dei corsi di formazione ....senza frequenza;son gestiti dalla mala organizzata, che ne seleziona i caporioni,e strumentalizzando il problema,condiziona e minaccia le forze politiche,dal canto loro,disponibili a ricevere tali  condizionamenti.Questi uomini,questi disoccupati,con l'autentica disoccupazione hanno poco da spartire...Nell'interesse del bene comune e della collettività in generale,sarebbe igienico dimensionarli per quello che veramente sono....

Mauro Mengascini
Mauro Mengascini

comunque se vogliono i soldi devono assaltare la villa del comico 1 e 2.

Gianneti Luciano
Gianneti Luciano

responsabile al 100%,pd,forse no,ma complice in buona parte quello si.

Giuseppe Ferrara
Giuseppe Ferrara

ma bene.. .. era ora direi.. qui nn si muove piu una foglia.. diamogli contro a sti infami''

Ettore Siniscalchi
Ettore Siniscalchi

ma se uno dei due uscieri è stato preso a calci e pugni, come voi stessi scrivete, non era più corretto scrivere che sono stati aggrediti?

Giorgio Graffieti
Giorgio Graffieti

disoccupati e operai che votano Forza Italia e poi assaltano le sedi del PD che è il responsabile dei guai di questo Paese...

Francesco Arena
Francesco Arena

pretendono rispetto per chi lavora... noi lo chiediamo da sempre.

Roberto Moccia
Roberto Moccia

Hanno fatto benissimo. .tiepidi segni di risveglio finalmente