•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 16 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Le proteste studentesche irrompono al Pirellone

Le proteste studentesche irrompono al Pirellone

“Il dissanguamento della scuola pubblica”. Questo è il titolo di uno dei striscioni quest’oggi esposti nella manifestazione di Milano per la difesa dell’istruzione statale. Il corteo partito dalle vie del centro, è nato precisamente presso largo Carioli. Il traffico ne ha risentito, questo è certo. La direzione della manifestazione è poi stata deviata verso la sede del Consiglio regionale lombardo, il Pirellone. Qui quattro studenti coi loro striscioni hanno interrotto i lavori del Consiglio al grido di “contro i soldi alle scuole private e i tagli alla scuola pubblica”.  Anche due insegnanti si sono uniti allo scontro verbale all’interno della sede legislativa regionale lombarda. La seduta del Consiglio è stata quindi sospesa ed i consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno lasciato la seduta per solidarietà con le idee studentesche. Alle 11:00 circa è salita la tensione sfociata, poi, un contatto tra manifestanti e forze dell’ordine in assetto anti sommossa. La carica di alleggerimento è stata inevitabile. A quanto si apprende dalla relazione della Questura, gli studenti avrebbero tentato di entrare negli uffici istituzionali dal lato di via Filzi, lanciando uova e vernice, ma senza successo di effrazione. Sebbene la protesta dei cinquecento sembrasse scemata, circa la metà di questi ha ripreso a manifestare per la città. A seguirli come un’ombra gli agenti della polizia, oggetto, poco dopo, di lanci di bottiglie di vetro. Oggetto di sfottò, invece, la classe politica e movimentista (altra, ovviamente): “né Maroni né Forconi” o “Maroni e Forconi, tutti fuori dai coglioni”, sono stati i cori più gettonati. La suggestione maggiore, non c’è dubbio, è stata quella di tingere di rosso la fontana di fronte il Palazzo Sforzesco: “Rosso castello”.

milano studenti

Una ripresa di quello che Graziano Cecchini fece a Roma con Fontana di Trevi. Simbolico e metaforico quel manifesto “il dissanguamento della scuola pubblica”. La ministra dell’Istruzione, Carrozza, ha però affermato come “manifestare è lecito ma non è accettabile che vengano danneggiati beni pubblici. Questo intervento ci obbliga a impegnare risorse dei cittadini milanesi e a utilizzare un’impresa già operante in altri lavori pubblici che, proprio per questo motivo, subiranno un ritardo. Qualora venissero individuati i responsabili, il Comune chiederà i danni”. E di danni il Comune di Milano ne sa già qualcosa: sono ben 8.000 euro quelli sborsati per rimettere a posto la piazza. Come operazione allegorica, quella degli studenti si è sicuramente rivelata tanto suggestiva quanto costosetta.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Pingback: Le proteste studentesche irrompono al Pirellone | News Novità Notizie Trita Web

  2. Camilla Santoro ha scritto:

    postate anche questa Bella e COSTRUTTIVA notizia che vede coinvolti il M5S , che lotta sempre per il BENE-ESSERe dei cittadini italiani…https://www.facebook.com/photo.php?fbid=478910388897065&set=a.301549166633189.70793.249098845211555&type=1&theater

  3. Helenio Cianella ha scritto:

    Forza ragazzi!!!

Lascia un commento