•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 22 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Peter Praet avverte l’Italia “L’euro è irreversibile”

L’euro è irreversibile. In Italia forse vi ricorderete le ripetute svalutazioni competitive, che erano anche una conseguenza della perdita di competitività causata da un’inflazione eccessiva, la volatilità del cambio, gli interessi sui debiti a due cifre, e un’inflazione che era appunto più alta che in qualsiasi altro Paese e che si mangiava il potere d’acquisto di salari e pensioni”. Lo afferma Peter Praet, capoeconomista della Bce, in un’intervista alla Stampa. “Se usciste dall’euro, la prima questione sarebbe: chi paga cosa, con che valuta, e quando? Finireste in un incubo di dispute legali”, avverte Praet. “E anche se fosse permesso saldare i propri debiti in euro nella nuova lira, potete immaginare quanto sarebbe oneroso per il debitore ripagare il suo debito in una nuova valuta che si sarebbe nel frattempo drammaticamente svalutata contro l’euro?”. Per Praet “l’Italia sembra stia uscendo dalla recessione, ma il punto di svolta è ancora molto fragile, siamo appena agli inizi. Ci sono rischi al ribasso, soprattutto se si fermano le riforme strutturali. Molte imprese dicono che la situazione migliora, le riforme si stanno realizzando, ma non sono ancora pronti ad investire. Sono in attesa”. In Italia, osserva l’economista, “c’è stata una forte contrazione degli investimenti produttivi. Gli investimenti nell’euro area sono caduti del 20% dall’inizio della crisi, ma in Italia di quasi il 30%». Sulle politiche di austerità, “l’impatto del consolidamento dei conti dipende da come lo costruisci, non solo dunque se aumenti le tasse o tagli le spese, ma anche quali tasse aumenti e quali spese tagli”, osserva Praet. “In Italia fino ad oggi vi siete focalizzati soprattutto sulle tasse, poco sulle spese”.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

39 Commenti

  1. Pingback: Peter Praet avverte l’Italia “L’euro è irreversibile” | News Novità Notizie Trita Web

  2. Pino Gerace Bis ha scritto:

    Praet fatti i c***i tua,bestia

  3. Paolo Nissotti ha scritto:

    quanto lo pagano per dire ste fesserie???

  4. Elenio Bergomi ha scritto:

    Che cazzo vuole questo coglione? Che vada a casa sua a rompere le palle! Qui siamo capacissimi anche noi di decidere senza i suoi inutili consigli.

  5. Ricu Castello ha scritto:

    Capacissimi? Visto come siamo messi direi proprio di no.

  6. Guido Zaccaro ha scritto:

    Attualmente in italia…servizio sanitario ..pensioni sono garantite dal continuo indebitamento proveniente dall’estero….dati ultimi parlano che il “DEBITO PUBBLICO ITALIANO”..continua ad aumentare…logico che chi ti presta i soldi…”t’impone le regole a casa tua”…

  7. Piero Corallo ha scritto:

    uscendo dall’euro ti chiedi chi paga il debito con cosa? e quando ?Risposta, visto che rimanendo nell’euro il debito continua ad alzarsi e la recessione continua a galoppare…uscendo dall’euro nn e’ detto che la nostra lira debba essere per forza svalutata..quindi per il debito da pagare puoi aspettare(altrimenti ti attacchi al tram),se non paghiamo che fai ci tagli i viveri.. di certo peggio di cosi’ non si potrebbe andare…

  8. Guido Zaccaro ha scritto:

    Il debito continua ad alzarsi perché ..le rate da pagare non sono adeguate agli interessi…poi si possono decidere scelte di destra o sinistra. ..ad es..hollande (france)…tassa le squadre di calcio milionarie (es . paris saint gremain )..al 75/100…nell’ottica chi ha di più paga di più. .chi ha poco paga niente….in Grecia ..tolte le tredicesime. ..statali dimezzati…il debito pagato mensilmente direttamente inserito sulle bollette della luce…..risultato…ammonta già al 10/100…chi vive al buio…purtoppo dato in aumento. …..tornare alla lira?…se si vuole anche subito…i creditori?..basta che li paghi messuno ti cerca….ammonta a circa 36.000 mila eur…(compreso a chi nasce oggi in italia)..a testa per italiano…..

  9. Riccardo Bottegal ha scritto:

    tutti economisti, vedo…

  10. Apixedda Piaggio ha scritto:

    Ridurre le spese: ha scoperto l’acqua calda!!!

  11. Luca Argalia ha scritto:

    Rudurre le spese in un paese che vive di assistenzialismo e sprechi? aaaaaa Peter I fatto la scoperta dell’acqua calda!

  12. Benito Giacoppo ha scritto:

    La morte è irreversibile, non l’euro!

  13. Mario Raggae ha scritto:

    Grilloni, Grillusconi, Movimento Sociale 5 Stelle…il concetto è sempre lo stesso, un’area politica di estrema destra, basata su propaganda becera e reazionaria, che fa leva sull’ignoranza e parla alla pancia della gente.http://matteoderrico.wordpress.com/2013/12/21/grilloni-la-strana-alleanza-da-grillo-e-berlusconi/

  14. Pietro Favaro ha scritto:

    … finalmente è arrivato STUCAZZ, non so se sia DOIC o no, ma sicuramente non è PETER PAN …

  15. Giuseppe Pontello ha scritto:

    …SONO INCAZZATI PERCHE’ ANCHE CON LE PEZZE AL CULO ::SPANDONO E SPENDONO DA INCOSCIENTI:::::!!!! Ha da’ veni’ peppone …

  16. Pingback: EURO IRREVERSIBILE…PRESA IN GIRO! | Paolo Turati Tactica

  17. Dario Seneca ha scritto:

    Un altro genio economico tipo quelli che non sapendo usare un programmino semplice come excell sono incorsi in tutta una serie di strafalcioni che hanno indotto in errore i più grandi gruppi finanziari del mondo? Qualcuno ha scritto: tutti economisti in questa pagina… e cosé una titolo di laurea che fa un economista?

  18. Rocco Simone ha scritto:

    vai a morire ammazzato.tu e l’euro e speriamo che fallisca.

  19. Daniele Dalla Marta ha scritto:

    BASTA EURO – avete rotto le scatole L’EUROPA che avete creato pare sempre più all’ UNIONE SOVIETICA. Ci sono ormai 8 premi Nobel dell’economia che dicono che l’EURO è una trappola mortale. BASTA EUROOOO – Basta questa Europa del rigore, per salvare la Germania.

  20. Guido Zaccaro ha scritto:

    Euro si’…euro no…ma il debito..sulle spalle. .quello rimane sempre più pesante…di fatto non si riesce a fermare…

  21. Paolo Concetti Pcont ha scritto:

    Invece tassare le multinazionali, i giochetti della grande finanza, le offshore, che fanno il bello e cattivo tempo, é cosi assurdo ed impensabile? Tagliare le spese miltari ?( la nuova zelanda non ha esercito e non mi pare che sia stata invasa dai cinesi o dai nordcoreani, e neppure dai Giapponesi). Cose da matti al solo pensarci

  22. Ivano Porrino ha scritto:

    Chi di Euro ferisce di Euro perisce!!E’ cosi’ vero Mister Praet?

  23. Mario Lanza ha scritto:

    Ti sbagli. Con il ritorno della lira le uniche che farebbero affari (in un primo momento) sarebbero le aziende che esportano all’estero,per il resto avresti il DISASTRO …noi importiamo un sacco di roba da fuori,con cosa pagheresti? Con una moneta che,anche se non svalutata, avrebbe un potere d’acquisto ridicolo? Il movimento di grillo insiste su questo punto perché i suoi “committenti” sono americani, pure loro sanno che sarebbe un harakiri di proporzioni macroscopiche…meno male che un’uscita dalla moneta unica e’ utopica (nonché impossibile). Poco da fare,dev’esserci un’unione anche politica dell’europa,solo cosi’ si uscira’ da questo periodo di stallo (ma direi anche di vera e propria guerra all’ europa da parte degli Usa.)

  24. Piero Garuti ha scritto:

    L’unica cosa certa ed irreversibile e’ la morte

  25. Daniela Di Camillo ha scritto:

    azzeriamo i debiti e non vi diamo più una lira ops un euro!!!!!

  26. Rossella Becchetti ha scritto:

    Ma va? non ce lo avete imposto voi?

  27. Luigi Babbetto ha scritto:

    Ma vaffanculo tu l’Europa e l ‘euro

  28. Daniel Rueda Hernandez ha scritto:

    E bene ricordare a questo sigre che i cittadini se ne fregano del suo punto di vista

  29. Vito Martinelli ha scritto:

    Anche Hitler secondo alcuni era irreversibile e poi la preso in culo

  30. Luca Palazzi ha scritto:

    non si capisce niente

  31. Luca Palazzi ha scritto:

    infatti potrebbe andare molto peggio per chi ha un reddito fisso

  32. Salvatore Caputo ha scritto:

    …e altrettanti che dicono il contrario. Basta cazzate…l’euro non ha nessuna colpa sennon quella di essere preso come capro espiatorio di una classe politica di dementi mafiosi e collusi e cittadini poco informati…o con poco sale in zucca

  33. Antonio Rossi ha scritto:

    Gli Italiani queste verità non possono sentirle perché sono sordi.

  34. Antonio Rossi ha scritto:

    Daniele, anche Dario Fo ha il Nobel, ma di economia ne capisce come noi. In quale valuta hai messo il tuo malloppo?. SENZA L’EURO-CON CHI GOVERNA L’TALIA- SAREMMO ALLA GUERA CIVILE

  35. Antonio Rossi ha scritto:

    A Me non resta molto ma spero di morire con l’euro

  36. Daniele Dalla Marta ha scritto:

    Mi dispiace ma non può paragonare Dario Fo,(pagliaccio di turno) con economisti del calibro di Krugman – Stiglitz – James Mirrlees – Milton Friedman

  37. Daniele Dalla Marta ha scritto:

    Caputo —- Le tue sono teorie del menga, —- Le ripercussioni dell’EURO e di questa EUROPA sul sistema ITALIA ci sono e come e sono negative, solamente negative. Il debito pubblico non è un problema visto che il Giappone ce lo ha molto più alto dell’ITALIA e non è di certo in crisi, perchè????? Perchè è uno stato sovrano con una moneta propria e può battere moneta, L’Ungheria è uscita dalla crisi, ha rifiutato l’aiuto dell’europa e del FMI — ha saldato i suoi debiti con due anni in anticipo, in Ungheria si parla di abbassamento delle tariffe del gas luce, delle imposte ecc, e sono fuori dall’euro. Come hanno fatto? Semplice hanno rifiutato gli aiuti capestro di un sistema EURO SOVIETICO, che funziona tutto per la Grande Germania, riducendo sul lastrico tutti gli altri paesi.

  38. Grazia Gioè ha scritto:

    … come mi sento presa in gior…

  39. Grazia Gioè ha scritto:

    era giro…

Lascia un commento