•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 30 dicembre, 2013

articolo scritto da:

In sette anni poveri raddoppiati

In sette anni poveri raddoppiati

In poco più di 7 anni, tra l’inizio del 2005 e la fine del 2012, il numero dei poveri presenti in Italia è cresciuto in maniera esponenziale fino a raddoppiare. È quanto emerge dal Rapporto sulla coesione sociale di Istat, Inps e Ministero del Lavoro, secondo cui l’anno scorso la povertà era una realtà per il 12,7% delle famiglie residenti in Italia e per il 15,8% degli individui.

Dati in crescita rispetto al 2011, sia per le famiglie (+1,6 punti), che per gli individui (+2,2 punti) e in vera e propria impennata rispetto al 2005, quando il numero degli indigenti era la metà su scala nazionale e addirittura un terzo nel nord (2,3% contro l’attuale 6,5%).

Ad essere colpite dalla crisi sono soprattutto le famiglie numerose con figli, soprattutto se di minore età, residenti nel Mezzogiorno e per le famiglie con membri aggregati, in cui convivono più generazioni. Fra queste ultime una famiglia su tre è relativamente povera e una su cinque lo è in senso assoluto.

poveri

I dati sono impressionanti anche per quanto riguarda i pensionati e gli anziani: quasi un pensionato su due (46,3%) ha percepito nel 2012 un reddito da pensione inferiore a mille euro, il 38,6% ne percepiva uno fra mille e duemila euro, solo il 15,1% dei pensionati aveva un reddito superiore a duemila euro. Dal 2010 al 2012 il numero di pensionati è diminuito mediamente dello 0,68%, mentre l’importo annuo medio è aumentato del 5,4%. A fine 2012 i pensionati erano 16 milioni 594mila; di questi, il 75% percepiva solo pensioni di tipo Invalidità, Vecchiaia e Superstiti (Ivs), il restante 25% riceve pensioni di tipo indennitario e assistenziale, eventualmente cumulate con pensioni Ivs.

Ad aggravare una situazione già di per sé molto critica, c’è anche l’aspetto salariale, letteralmente bombardato dalla crisi economica e dalla pressione fiscale: lo stipendio netto è aumentato di soli 4 euro fra il 2011 e il 2012 per gli italiani, mentre è addirittura sceso di 18 euro per gli stranieri che lavorano in Italia, il valore più basso dal 2008. Nel 2012 la retribuzione mensile netta si è assestata intorno ai 1.304 euro per i lavoratori italiani e di 968 euro per gli stranieri (cifre che ci collocano agli ultimi posti dell’Unione europea).

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

11 Commenti

  1. Luigi Scarrà ha scritto:

    tra i nostri poveri e i clandestini che differenza c’è? i nostri poveri devono chiedere l’elemosina e vivere di carità..ai..clandestini diano 1.300 euro mese casa ecc.ecc….vi sembra giusto?

  2. Fabio Graziosi ha scritto:

    i politici italiani e le loro schifose non scelte sono la causa di tutto questo da cacciare con mazze e bastoni

  3. Riccardo Bottegal ha scritto:

    che tu abbia diritto di voto non mi sembra giusto, dato che dimostri di essere “diversamente intelligente”

  4. Francesco E Basta ha scritto:

    soffrono tutti anche i single!!! governo di merda..

  5. Oscar Pelli ha scritto:

    beata la nazione dove diminuiscono i supericchi e i superpoveri, purtroppo in Italia aumentano entrambi.

  6. Luigi Scarrà ha scritto:

    prendo atto della sua immensa intelligenza.

  7. Eugenio Policriti ha scritto:

    questa signora non è una povera ma una rom non la vedi?

  8. Pennetta Arnaldo ha scritto:

    se aumentano le distanze tra miseria e ingiustizie cresce l’instabilita’ politica

  9. Vito Casale ha scritto:

    Peccato solo che calcola il povero l ISTAT in base ai consumi…per cui se uno ha soldi in banca ma spende solo 1000€ al mese risulta povero. un modello basato sui consumi e’ interessante ma fallibile

  10. Anton Ross Effebi ha scritto:

    Da decenni i partiti non hanno fatto altro che nominare generali, questori, prefetti ( 22 pochi giorni fa’, per tappare, eventualmente, qualche defezione?..) e mettere nelle istituzioni le loro putride emanazioni e propagazioni. Le commistioni mafia, delinquenza e politica emergono ogni giorno. Io spero di no, ma sono ancora piu’ convinto che eliminare questa classe politica marcia e l’oligarchia collegata non sara’ ne’ facile ne’ indolore. Comunque non ci scoraggeremo. Per un 2014 sereno, prospero e per il nostro futuro..Auguri..

  11. Maria Concetta Cammarata ha scritto:

    i nostri politici saranno piu’ che soddisfatti,i loro desideri sono stati esauditi!!!

Lascia un commento