•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 6 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Reggio Calabria: conti in rosso e proroga del commissariamento per mafia

Reggio Calabria: conti in rosso e proroga del commissariamento per mafia

Reggio Calabria nuovamente nell’occhio del ciclone. Dopo che il 9 ottobre 2012 il cdm aveva disposto lo scioglimento del Comune per “contiguità mafiose” ed affidato la gestione dell’amministrazione ad una commissione prefettizia di tre membri, stamattina è arrivato l’ulteriore colpo al cuore del Comune calabrese. La Corte dei Conti, infatti, “nonostante gli sforzi” dei prefetti, ha dichiarato come “non congruo” il piano di riequilibrio finanziario comunale.

Le finanze della città sono in rosso, sostanzialmente. Una vera e propria voragine. La giustizia amministrativa scrive, nella lettera presentata ai tre prefetti, come “gli incolpevoli cittadini reggini risultano ormai già ampiamente incisi, sul terreno tributario e tariffario, dai provvedimenti assunti in esecuzione del piano di riequilibrio”. Impossibile, quindi, aumentare le tasse, nonostante i quasi 700 milioni di debito certificati nel 2012 (di cui 200 milioni di debito circa, nascano “dall’esercizio 2007 e precedenti”).

A tutto questo si aggiunge la richiesta di proroga del commissariamento per contiguità mafiose. Il rischio connubio politica-‘ndrangheta, infatti, è vivo più che mai ed Alfano – in qualità di Ministro dell’Interno – sta valutando la possibilità. La lettera del prefetto Vittorio Piscitelli spiega come “la collusione delle organizzazione criminali con l’apparato del personale e con il sistema delle municipalizzate” sia ancora ben presente nel capoluogo calabrese. La proroga del commissariamento sarebbe un duro colpo da incassare per l’ex sindaco di Reggio ed attuale Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. Una batosta politica visto che l’ex sindaco ricopre anche il ruolo di responsabile organizzazione di Nuovo Centrodestra, mentre colui che deve scegliere se prolungare o meno il commissariamento è proprio il capo del Ncd, Angelino Alfano.

La tensione nel capoluogo di provincia più grande della Calabria è alle stelle. Il governatore ha fatto sapere di avere ricevuto una lettera di intimidazioni verso la sua famiglia, all’ex assessore Giuseppe Agliano è stata bruciata l’automobile, mentre al commissario Gaetano Chiusolo sono arrivate minacce feroci. Le iniziative di Scopelliti e di Alfano in questo fine settimana, poi, non sembrano rasserenare gli animi, anzi.

 

Daniele Errera




Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento