articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

I SONDAGGI SATIRICI DI LERCIO – Olimpiadi a Sochi e omofobia

I SONDAGGI SATIRICI DI LERCIO - Olimpiadi a Sochi e omofobia

Un gruppo di attivisti per i diritti dei sondaggisti ha condotto un’indagine tra gli atleti delle delegazioni degli Stati di Bermuda, Dominica, Filippine, Isole Cayman, Isole Vergini Britanniche, Malta, Paraguay, Timor Est, Togo, Tonga e Zimbabwe che tanto a Sochi hanno molto tempo libero.

Eccovi le domande e le risposte tradotte in Italiano da Christof Innerhofer:

Quesito n.1
Trova inappropriata la presenza di atleti gay nelle gare di bob a quattro?

No, se sono donne (39%)
No, ma trovo inappropriata la presenza di costumisti gay nel pattinaggio (31%)
È un problema di Bob (30%)

I SONDAGGI SATIRICI DI LERCIO - Olimpiadi a Sochi e omofobia

Quesito n.2
Quale nuovo sport introdurrebbe nelle discipline olimpiche?

Il lancio del giavellotto con bersaglio omosessuale in movimento (43%)
I 100 cm ostacoli (27%)
Il twerking a squadre (26%)
Il tennis da tavolo su un campo da tennis (4%)

I SONDAGGI SATIRICI DI LERCIO - Olimpiadi a Sochi e omofobia

Quesito n.3
Quali saranno le prossime proteste gay durante le Olimpiadi di Sochi?

Il boicottaggio delle proteste delle Femen (64%)
Smettiamola, in Russia non ci sono gay (16%)
Far partire “YMCA” durante le premiazioni (13%)
Salire sul podio mostrando il pugno guantato di rosa (7%)

I SONDAGGI SATIRICI DI LERCIO - Olimpiadi a Sochi e omofobia

Dalle risposte raccolte emerge limpidamente che gli atleti di Togo non hanno capito affatto le domande e che gli atleti di Timor Est avevano altro a cui pensare. Emerge, tuttavia, un dato positivo: sono riuscito ad avere il numero di telefono dell’atleta del Paraguay.

In collaborazione con Lercio.it




ultima modifica: martedì, 18 Febbraio 2014