•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 15 settembre, 2014

articolo scritto da:

Boschi: non andremo al voto dopo l‘approvazione della legge elettorale

Cadono nel vuoto le provocazioni di coloro che affermano come, dopo l’approvazione della legge elettorale, si ritornerà alle urne, forti (quelli del Partito Democratico) del 40,8% ottenuto alle elezioni europee di fine maggio. Ad affermare il mancato automatismo legge elettorale – elezioni è direttamente la Ministra delle Riforme, Maria Elena Boschi.

“Vogliamo arrivare fino al 2018 perché abbiamo delle riforme importanti da attuare”. E’ con queste parole, proferite ai margini della Festa dell’Unità di Firenze, che la Boschi ha tagliato corto circa gli insistenti rumors di elezioni anticipate: “non si fa la legge elettorale per andare al voto, la si fa perché è un impegno che abbiamo preso con i cittadini. Dopodiché – ha concluso sull’argomento la Ministra – il lavoro andrà avanti, abbiamo presentato il programma dei prossimi mille giorni”.

ministro boschi

Le riforme non possono essere scisse dall’imperativo degli ultimi tempi: crescita. Il paese, in recessione da anni ed ultimamente – addirittura – in deflazione, ne ha bisogno. Per questo Boschi chiede a gran voce quei 300 miliardi che Junker (neo Presidente della Commissione Europea, ndr) avrebbe promesso. Sarebbe un’iniezione di fiducia nei confronti del Governo Renzi, il quale ha messo sul piatto “non soltanto le riforme costituzionali e la legge elettorale”, ma anche “la delega sul lavoro e la riforma della P.A.”.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: