•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 21 gennaio, 2015

articolo scritto da:

In Serbia inizia la privatizzazione del calcio

serbia-calcio-privatizzazione

Nonostante si dica che l’economia della Serbia sia in ripresa, da quelle parti il calcio sta vivendo una grave crisi. A Belgrado, la capitale della Repubblica un tempo facente parte della potente Jugoslavia, Stella Rossa e Partizan sono pronte ad issare bandiera bianca perché sommerse da milioni di Euro di debiti. Non bastano infatti, i soldi pubblici con i quali il governo finanzia le due squadre più forti e rappresentative dell’area balcanica.

LO STATO CONTROLLA IL CALCIO –  Oltre vent’anni sono passati dalla dissoluzione della repubblica jugoslava, eppure nulla è cambiato nella gestione dello sport più amato del Pianeta. In Serbia, nessun privato può investire nei club calcistici poiché è ancora lo Stato a controllarli e a bloccare quindi la crescita dell’intero movimento. Sì perché di soldi ne girano ben pochi, e diviene quindi impossibile investire nei settori giovanili che continuano a sfornare talenti pagati con quattro soldi da tutti i club europei. I giocatori che decidono di rimanere nel campionato serbo sanno che è altissimo il rischio di non ricevere mensilità e di non essere minimamente tutelati. La situazione è divenuta insostenibile anche per i tifosi, e non sono mancate manifestazioni di protesta spesso sfociate in scontri con la polizia.

calcio-serbia-scontri

PRIVATIZZAZIONE – I bilanci di Partizan e Stella Rossa fanno davvero paura: si parla infatti, di circa 30-40 milioni di debiti, tantissimi se si pensa che stiamo pur sempre parlando di realtà pubbliche. Per evitare che i due club spariscano, ecco che il primo ministro serbo, Aleksandar Vučić, ha cominciato a parlare di privatizzazione, parola finora completamente sconosciuta. “Ci sono investitori esteri pronti ad intervenire” ha dichiarato qualche giorno fa ai principali quotidiani serbi, aggiungendo che “la privatizzazione è il modo migliore per venirne fuori”. Tra i possibili interessati alla svendita del calcio serbo, ci sarebbero non soltanto colossi energetici russi, ma anche club tedeschi. Un affare insomma, per chi se lo potrà permettere.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: