•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 28 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Occhetto: “Do a Renzi il tempo di una legislatura”

achille occhetto

Renzi non vedrà la nuova alba. Almeno questo è il pensiero di Achille Occhetto, storico ultimo segretario del Partito Comunista Italiano e primo del Pds, il Partito Democratico della Sinistra: “le bolle speculative esplodono, è scienza della politica non profezia da mago”, sentenzia Occhetto.

Matteo Renzi è un decisionista della parola. Alle parole aggiunge parole. È un illusionista che utilizza il vocabolario come i finanzieri d’assalto fanno con i derivati. Anzi, ora che ci penso: egli stesso è un derivato. Scommette sulla scommessa”. Ma è un gioco che non può tirare troppo per le lunghe. Alle promesse servono dei fatti corrispondenti. Altrimenti la fiducia cala, e lo dimostrano i sondaggi che indicano un Partito Democratico in caduta libera (rispetto allo spettacolare risultato delle elezioni europee 2014).

Occhetto dà a Renzi “il tempo di una legislatura”. Fino al 2018. Poi ciao ciao a Pd ed al rottamatore fiorentino. Il partito si è posto ad immagine e somiglianza del suo leader. E con la discesa di quest’ultimo, anche il primo sarà costretto ad issare bandiera bianca (“chiuderà i battenti quando questa leadership così personalistica si schianterà sotto la mole delle sue promesse). Renzi, secondo Occhetto, ha profuso solo parole: “è stato bravo a interpretare un bisogno di uscire dall’afasia, dalla palude. È stato l’inventore talentuoso di una rivoluzione parolaia”.

achille occhetto massimo d'alema

Occhetto, infine, affronta due grandi argomenti odierni. Il primo è quello del Presidente della Repubblica: “prevedo un avatar, un nome vuoto di storia e di pensiero ma formalmente ineccepibile. Un uomo o una donna che si affacciano sulla scena pubblica. Un prodotto tipico del solco nuovista” (un ulteriore attacco a Renzi). Poi la nuova sinistra che si fa strada. Tsipras in Grecia (“lì è nata la Cosa rossa, esattamente quella che proponevo in Italia”), Civati in Italia: “ha talento. Forse è un pò troppo battutaro. Non capisco invece Cuperlo: è come se si perdesse nella nebbia. Giunge a un punto, poi non so che gli capita. Degli altri ho la sensazione che svolgano onestamente il loro lavoro. Ma non li vedo arsi di passione politica. Piuttosto dei bravi professionisti a progetto che alla fine emettono fattura”.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: