•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 27 aprile, 2014

articolo scritto da:

Graessle (Ppe): “Sono scioccata, mi chiedo come abbiamo potuto cooperare con Belursconi”

“Sono scioccata, mi sembra una dichiarazione inaudita. Ho 53 anni e da quando ero piccola non ho mai smesso di interrogarmi su quel crimine orribile. Non c’è tedesco che non ne sia consapevole. Negare i crimini nazisti da noi in Germania è un reato penale che fa scattare una procedura giudiziaria. Spero davvero che gli italiani non credano a cose di questo genere. Mi chiedo come abbiamo potuto cooperare con un personaggio di questo genere”. Così, intervistata da Repubblica, Ingeborg Graessle, eurodeputata tedesca del Ppe a proposito delle dichiarazioni di Silvio Berlusconi. “Trovo inconcepibile che si possa giocare con il più grande crimine contro l’umanità per raccogliere qualche voto – spiega l’eurodeputata -. Mi domando come un politico possa fare una gaffe del genere. Come possono ancora prenderlo sul serio? Sempre più spesso i colleghi italiani del Ppe si scusano per le cose che dice”. “Credo che debba lui stesso chiarire dove vuole stare. Ma, se pensa cose di questo genere, dovrebbe lui stesso concludere che non può restare nel Ppe. Come possiamo continuare insieme se dice queste cose? Mi aspetto che gli amici eurodeputati di Forza Italia reagiscano e smentiscano simili gravissime dichiarazioni”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: