•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 4 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Renzi l’equilibrista. Avanti tra le insofferenze di Alfano, Bersani e Berlusconi

renzi assumeremo i precari

Le spine nel fianco di Renzi e del suo esecutivo arrivano sia da destra che da sinistra. Una difficile situazione per un decisionista come il premier, il quale – qualora non volesse andare ad elezioni anticipate – dovrà imparare la tecnica dell’equilibrista, del mediatore.

E’ Renzi in persona a parlare, presso Porta a Porta. Da Vespa, infatti, il premier ha affermato come “con Alfano è finita bene, il governo va avanti fino al 2018 con Ncd dentro”, sebbene i malumori interni a Nuovo Centrodestra. Di quelli dovrà preoccuparsi il leader del partito, l’ex delfino di Berlusconi. Ma resta sempre un’iniziativa subita di continuo. Renzi è un rullo compressore e volta dopo volta vi sono nuovi decreti legge renziani. L’ultimo è quello sulle banche popolari, a breve spa. Taglia corto l’ex sindaco di Firenze: “sono pronto a mettere la fiducia. Non facciamo scherzi”, rispondendo alle repliche di Ncd.

alfano su jobs act

D’altra parte, sempre nel centro destra, c’è Berlusconi. Proprio ieri l’ex Cavaliere ha affermato come “d’ora in poi diremo sì solo a ciò che ci convince”. Renzi è avvertito. Incassa, il rottamatore fiorentino. Replica alla cosiddetta ‘terza Camera’ (Porta a Porta, ndr), consapevole del fatto che nessuno l’ha mai messo all’angolo: “decidersi, dovrebbe mettere il cappello sulle riforme perché se i suoi strateghi pensano di usarle per ricattarmi con me cascano male, non mi ricattano”.

renzi supera berlusconi come presenza in tv e spazio tg

Poi c’è la spina nel fianco per eccellenza, la minoranza bersaniana. O cuperliana, stando all’ultimo congresso dem. Lo scontro si basava su alcune tesi, come la legge elettorale. Ma Renzi ha archiviato quella storia: “l’Italicum è una partita chiusa, adesso basta”. Ed inoltre una possibilità di accordo arriva direttamente dalla minoranza dem. A parlarne è Gotor, purché si riducano il numero dei deputati nominati. Si vede la luce, forse. E su Letta (Enrico, ovvio), Renzi conclude velenoso: “non c’è stato in alcun modo un tradimento di un patto. Se Letta fosse stato sereno, sarebbe rimasto lui il premier. Io gli ho detto, vai avanti fino al 2018 ma loro volevano votare nel 2015”.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: