•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 14 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Italia del rugby sconfitta, gli inglesi la vogliono escludere dal 6 nazioni

L’Italia della palla ovale esce con la coda fra le gambe dal leggendario stadio di Twickenham casa della nazionale inglese di rugby. Gli azzurri scendono in campo e sono i padroni del gioco per il primo quarto d’ora, ma gli inglesi voltano faccia e dominano fino al 47 a 17 finale dando l’assist per il prosieguo della polemica imbastita dal Times sulla presenza dell’Italia al 6 Nazioni.

Italia avanti per 12 incredibili minuti

Le tre mete messe a segno da Parisse – capitano e autore della prima meta azzurra al quinto minuto – non bastano di fronte ad un’Inghilterra che si candida al trofeo del 6 Nazioni dopo una simile prestazioni. Certo la buona partenza ed il cuore messo in campo dall’Italia ci fanno evitare una figuraccia di proporzioni epiche, ma da qui a dire che gli azzurri se la sono giocata ci passa un oceano. Pochi errori – un paio di touche – e spazi concessi per i primi dodici minuti, poi l’episodio che cambia il volto del match: Brown impatta di faccia contro la spalla di un Masi in corsa verso quella che sarebbe stata la seconda, e bellissima, meta per l’Italia. Brown rimane esanime a terra per una decina di minuti abbondanti e deve essere portato fuori dal terreno di gioco in barella. L’Italia incassa la pausa e perde la dovuta concentrazione; da quel punto in avanti gli inglesi, complici anche quattro sostituzioni, si trasformano e dominano la partita.

Sei-Nazioni-rugby

Troppi errori

Dai calci piazzati perennemente a vuoto di Haimona alle incredibili praterie lasciate al velocissimo Joseph passando per una colossale dormita in difesa dopo una mischia. Ecco gli errori che l’Italia non doveva fare e che vengono puntualmente sfruttati dagli inglesi. La partita ormai ha preso una direzione ben precisa e a nulla valgono gli sforzi ed il cuore Morisi che mette a segno la terza meta azzurra.

La polemica: Italia fuori dal 6 Nazioni

Sicuramente gli inglesi avranno ben da gongolare visto che, prima del match, il Times aveva lanciato una polemica riguardo la presenza di una squadra cuscinetto come l’Italia all’interno del 6 Nazioni. “Quanti anni ancora passeranno prima che gli organizzatori del Torneo comincino a dubitare dell’opportunità di riservare un posto agli azzurri? – infieriscono i giornalisti inglesi – Lo dice il ranking internazionale: Georgia e Romania sono sul loro stesso piano. Si potrebbe pensare a un secondo raggruppamento, con un relativo sistema di promozione-retrocessione…” Gli inglesi non si limitano alla polemica sterile, ma portano a supporto della propria tesi dei dati sconfortanti per l’Italrugby: “L’Italia ha undici dei primi quindici giocatori con all’attivo il maggior numero di sconfitte internazionali. E a capeggiare la lista, quattro in campo oggi: Bortolami con 80, Parisse e Castrogiovanni con 78 e Mauro Bergamasco con 70. La combattività non basta. L’Italia non può continuare, scrive il giornale inglese, a inanellare queste serie di pesanti batoste sistematicamente tra febbraio e marzo senza che gli organizzatori non pongono la necessità di avere nel torneo una squadra competitiva con le altre”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: