•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 22 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Di Maio accusa Renzi: “Ruppe silenzio elettorale con sms”

luigi di maio a renzi

“Centinaia di migliaia di sms il giorno prima delle elezioni invadono i telefoni di altrettanti cittadini. Ciò in barba alla norma sul silenzio elettorale e al trattamento dei dati personali. Ma il Garante delle comunicazioni fa come Ponzio Pilato e se ne lava le mani”. Così il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio (Movimento 5 Stelle), in un’interrogazione al premier Matteo Renzi e ai ministri dell’Interno e dello Sviluppo economico. Di Maio, si legge in una nota, ha raccolto numerose segnalazioni di presunta violazione del silenzio elettorale in occasione delle europee dello scorso 25 maggio.

“Si tratta – continua – di testi inviati dal mittente ‘PD Renzi’ con scritto: ‘Domenica vota il Partito Democratico. E convinci amici e colleghi unoxuno. Le nostre idee contro i loro insulti perchè l’Italia conti in Europa. Matteo Renzi”. Del caso, ricorda, è stata investito il Garante delle comunicazioni che ha licenziato la pratica dichiarandosi incompetente e suggerendo di rivolgersi alle Prefetture. “Ciononostante l’AgCom gestisca le segnalazioni sulle violazioni del silenzio elettorale utilizzando anche fondi pubblici” aggiunge Di Maio che conclude domandando a Renzi se non “ritenga dignitoso per sè stesso e per la carica che ricopre svolgere o, comunque, che sia svolta in suo nome, attività di propaganda proprio nelle giornate del cosiddetto silenzio elettorale”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: