•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 1 marzo, 2015

articolo scritto da:

Sicilia, Faraone lancia la sua Leopolda: “Pd dev’essere partito aperto”

Davide Faraone sulla Buona scuola

Si è da poco conclusa la Leopolda siciliana, organizzata dal renziano Davide Faraone per rilanciare l’azione del Pd nell’isola. Molti i punti toccati dal fedelissimo del premier  nel suo discorso conclusivo, a partire dal controverso rapporto col governatore Rosario Crocetta. “Da questo palco – dichiara Faraone – dico al presidente della Regione Crocetta ‘Rosario, stai tranquillo’, preferisco non dirgli ‘stai sereno’, così evitiamo inutili preoccupazioni. Ma nessuno vuole fare nascere idee alternative a questo governo. Renzi e il governo nazionale sostengono il Crocetta-ter e lo fanno con forza. E gli assicuro che noi non vogliamo fare solo tagli, ma anzi aprire finalmente a occasioni di sviluppo mettendo in piedi un bilancio sano e veritiero per la prima volta forse negli ultimi venti anni. Per questo dico a tutti di non isolare l’assessore all’Economia Alessandro Baccei”.

Faraone ribadisce poi l’impostazione aperta che il Pd ha assunto da quando Renzi è segretario: “Chi non vede l’importanza di questa manifestazione o è uno stolto o è in malafede – dice Faraone – noi stiamo lavorando per un Pd diverso da quello di Bersani, un Pd aperto che non guardi solo a chi storicamente ha votato per noi. Dobbiamo aprirci per diventare una grande forza maggioritaria e soprattutto riformatrice e per dire basta a questo autonomismo alle vongole. Il centrosinistra si deve rivolgere anche a chi votava dal’altra parte. Incredibile ci si scandalizzi che manifestazioni come questa siano partecipate”.

area civati crocetta sicilia

È questo il punto più controverso, su cui si esprime con durezza il deputato Giovanni Burtone: “Non possiamo pensare di aprire a chi non ha i nostri valori e senza alcun rispetto della base, dei territori che stanno subendo scelte calate dall’alto. Per essere chiari, noi siamo alternativi a certi rapporti con chi ha alimentato le discariche e per una sanità pubblica di alto livello, senza primari amici”.

Significativa la presenza all’evento dell’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle Tommaso Currò, che non ha perso l’occasione per lanciare una frecciata a Beppe Grillo, che due anni fa a Palermo aveva dichiarato: “La mafia aveva una sua morale e andrebbe quotata in Borsa”. Sul punto Currò non ha dubbi: “La mafia non ha mai una morale. Né la mafia di ieri né la mafia di oggi”, ha detto il deputato.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: