•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 maggio, 2015

articolo scritto da:

FMI alza stime PIL Italia ma avverte: “Serve più crescita”

fmi

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha alzato le stime di crescita per l’Italia, portandole al +0.7% per il 2015 e al +1.2% per il 2016, aumentandole rispettivamente dello 0.2% e dello 0.1% rispetto alle precedenti. A decretate la revisione delle stime – come sottolineato durante la presentazione del rapporto ‘Article IV’ sull’Italia – hanno contribuito i risultati buoni ottenuti nel primo trimestre di quest’anno.

Ma lo stivale non può certo dormire sonni tranquilli. Il FMI evidenzia la necessità di un tasso di crescita ancor superiore a quello attuale, indispensabile per portare il Paese fuori dalle secche della recessione e far ridurre il tasso di disoccupazione ed il debito. Pollice su per le riforme attuate ad oggi dal governo, considerate “ottime”. Ma ora la sfida, secondo il FMI, è quella di approfittare della favorevole congiuntura internazionale per accelerare gli sforzi.

padoan fmi

FMI avverte: serve più crescita e coraggio

Per il FMI ci sono settori in cui serve maggior incisività, ambizione e coraggio. A partire per esempio dalle privatizzazioni, i cui obiettivi sono stati abbassati con il passaggio dalla legge di bilancio (0.7% di PIL di dismissioni medie annue) al Def (0.4%). Nessun campanello d’allarme invece a proposito del rimborso delle pensioni, resosi necessario dopo lo stop della Consulta al blocco dell’indicizzazione decretato nella riforma Fornero: l’aggiustamento, secondo il FMI, dovrebbe essere di un quarto di punto di Pil.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: