Pubblicato il 16/09/2015

Grandi Navi, il Pd e la Moretti dicono sì al Vittorio Emanuele

autore: Andrea Frollà
alessandra moretti intervistata in piazza montecitorio

La netta presa di posizione del capogruppo del consiglio regionale veneto Alessandra Moretti, che ha dichiarato il suo appoggio al progetto Vittorio Emanuele, potrebbe chiudere la partita sulle grandi navi a Venezia. Dopo questo endorsement, infatti, il progetto che permette l’ingresso delle navi da crociera nella laguna potrebbe ben presto diventare realtà.

Brugnaro a Moretti: “Grazie Alessandra”

Il progetto Vittorio Emanuele – “Finalmente il buon senso comincia a prevalere! Grazie Alessandra!“, ha commentato con soddisfazione su Twitter il primo cittadino di Venezia Luigi Brugnaro.  Il piano pensato per le grandi navi nei canali di Venezia prevede l’ingresso delle imbarcazioni da crociera dalla bocca di porto Malamocco. Si consentirebbe la percorrenza lungo il canale dei Petroli prima e il transito per il Vittorio Emanuele poi. Una soluzione che sembra ora aver convinto anche il Partito Democratico, tanto fra i propri consiglieri regionali in Veneto quanto fra quelli del consiglio comunale della storica città marinara.

il sindaco di luigi brugnaro

Piano grandi navi

La convergenza politica sul piano grandi navi – Anche se ancora nessuna carta è arrivata nelle stanze del Ministero dell’Ambiente, non c’è dubbio che l’appoggio bipartisan al Vittorio Emanuele potrebbe accelerare i tempi e chiudere una disputa che va avanti da molti mesi. Non è un caso che il capogruppo comunale Pd a Venezia, Andrea Ferrazzi, abbia sottolineato proprio la necessità di trovare una soluzione in tempi rapidi: “Insieme ad Alessandra Moretti, lavoreremo con il Governo, la Regione e il Comune perché non si perda altro tempo”.

Autore: Andrea Frollà

Andrea Frollà nasce a Roma l'11 Dicembre 1991, si laurea in Scienze Politiche all'Università di RomaTre. Da giugno 2013 lavora come giornalista free-lance per LaRepubblica Affari&Finanza, inserto economico del quotidiano LaRepubblica. Collabora con TermometroPolitico da maggio 2015 e si occupa di Politica, Economia ed Esteri
Tutti gli articoli di Andrea Frollà →