Lega, Salvini si autoesclude dalla corsa: a Milano serve qualcuno più bravo di me

Pubblicato il 7 Ottobre 2015 alle 11:12 Autore: Redazione
matteo salvini, comunali milano

Dalle ricostruzioni sembrava non avesse sortito grandi risultati l’incontro tra Berlusconi e Salvini di domenica sera. Invece qualcosa si muove: è il segretario della Lega a parlarne. Matteo Salvini affronta il tema delle prossime amministrative: “Tutta quest’urgenza non la vedo” afferma al Corriere. Però aggiunge che a Milano non sarà lui il candidato: “Ci vuole qualcuno migliore di me”. E va avanti citando gli altri Comuni al voto nella prossima primavera: “Per Torino sarebbe utile avere qualcuno fuori dai partiti, non c’è bisogno di tessere in tasca. Per Bologna, la nostra candidata mi pare vada molto bene. Poi, valuteremo dopo la manifestazione”.

Salvini sul capitolo alleanze: no agli Alfano e ai Verdini

Circa le alleanze con Alfano e Verdini Salvini non sembra preoccuparsi del loro sostegno, anche elettorale, a Renzi: “irrilevante. Stiamo parlando di zero virgola qualcosa. Lascio i Verdini e gli Alfano a chi piacciono”. Berlusconi è d’accordo a tagliare i ponti? “A me è sembrato proprio di sì”. Mentre con Libero esclude il listone: “La Lega è la Lega e Forza Italia vuol rimanere Forza Italia, ma se si votasse domani mattina abbiamo la necessità di presentare un programma omogeneo ma che parta da due punti. Primo: il no ad Alfano. Secondo: idee forti su economia, giustizia, lavoro, Europa”.

salvini sulla sinistra e sullo sfondo il palco con la scritta per l'europa dei popoli

“Piena sintonia con Berlusconi sul programma”

La “piena sintonia” con Berlusconi equivale – aggiunge Salvini al Messaggero – ad un “accordo sul programma per il dopo-Renzi” per esempio “sulle tasse. Siamo assolutamente d’accordo sull’introduzione di un’aliquota fiscale unica, la flat tax. Io dico al 15%, Berlusconi pensa al 20%, ma certamente sul punto abbiamo concordato. E poi sull’Europa”.

La battuta calcistica del milanista Maroni

L’incontro di domenica sera tra Salvini e Berlusconi “non ha portato bene al Milan”. Questo il commento del Presidente della Regione Lombardia, nelle sue vesti di tifoso rossonero, sull’incontro tra Salvini e Berlusconi.

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →