Sondaggio Ferrari Nasi&Associati: l’elettorato del M5S si sposta sempre più a sinistra

Pubblicato il 11 Ottobre 2015 alle 01:32 Autore: Francesco Anania
sondaggio ferrari nasi m5s

La composizione dell’elettorato del Movimento 5 Stelle per orientamento politico dichiarato risulta essere fortemente mutato rispetto soltanto allo scorso anno e prevalentemente di centrosinistra: questo è quanto emerge da un interessante sondaggio realizzato dall’istituto di ricerca sociale Ferrari Nasi & Associati pubblicato dal quotidiano Libero nelle scorse settimane.

Nel 2014, l’anno delle Elezioni Europee nelle quali il Movimento 5 Stelle ha ottenuto il 21,1% dei voti, quasi un terzo degli elettori “grillini” si autocollocava dalle parti della sinistra radicale, non sentendosi probabilmente rappresentati dalla svolta renziana del PD e dai partiti alla sua sinistra, primo fra tutti SEL. Un’altra fetta significativa di elettori del movimento si dichiarava, all’opposto, di centrodestra (28%). Meno rappresentate, infine; le componenti di elettorato di centro (17%), di un centrosinistra più moderato (16%) o di destra (8%).

sondaggio ferrari nasi m5sSecondo il sondaggio di Ferrari Nasi a distanza di circa un anno molto è cambiato e coloro che dichiarano di sentirsi di centrosinistra sono addirittura il 46%, mentre è diminuita al 21% la componente più di sinistra. Se non è significativa la variazione dei “centristi” elettori del movimento (14%), diminisce drasticamente l’elettorato che si dichiara di centrodestra (dal 28% all’8%), mentre è circa uno su dieci ad autocollocarsi a destra.

In una situazione in cui le intenzioni di voto indicano oggi il Movimento 5 Stelle in crescita di qualche punto percentuale rispetto allo scorso anno, i dati del sondaggio pubblicato da Libero sono da un lato sorprendenti viste le recenti posizioni assunte da Beppe Grillo sull’immigrazione, apparentemente in contraddizione con uno spostamento a sinistra dell’elettorato; dall’altro, però, la crescita registrata della Lega Nord e la flessione del PD sembrano, invece, aiutarci a comprendere il flusso di intenzioni di voto avvenuto nell’ultimo anno: movimenti all’interno dell’elettorato che vedono in ogni caso il M5S ancora particolarmente forte, smentendo chi ne pronosticava un rapido declino dopo il boom delle Politiche 2013.

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Francesco Anania

Classe ‘84, si laurea in Politica e Istituzioni Comparate all’Università degli Studi di Milano. Successivamente consegue il Master in Fonti, Strumenti e Metodi per la Ricerca Sociale presso la Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università La Sapienza di Roma e accumula esperienze in diversi ambiti, lavorando tra l’altro presso l’istituto di ricerche Ferrari Nasi & Associati e in Regione Lombardia. Ha pubblicato una raccolta di poesie ed è appassionato di politica, world music e calcio. Collabora con Termometro Politico dal 2013.
    Tutti gli articoli di Francesco Anania →