Che cos’è la rottamazione?

Pubblicato il 24 Novembre 2015 alle 11:21 Autore: Redazione
rottamazione, renzi

Che cos’è la rottamazione? Finora questo termine era stato accostato al premier Matteo Renzi. I due erano un binomio imprescindibile. Rottamazione è diventato poi nel gergo comune il “far fuori” politicamente la generazione precedente. E così i “vecchi” del Pd, da Bersani a D’Alema, passando per Prodi e Veltroni, sono stati “silurati” per dar spazio ai giovani. Questo trattamento potrebbe essere riservato anche all’ex sindaco di Napoli, Antonio Bassolino con il cambio delle regole delle primarie ventilato dai vicesegretari dem Guerini e Serracchiani. Il Pd vuole evitare nuovi casi Marino e De Luca e Bassolino, già sindaco di Napoli, incarna appieno, il “nemico” da rottamare. Ma se ritornasse davvero in campo sarebbe il fallimento della rottamazione?

Rottamazione non è far fuori gli anziani

“E perchè mai? Per il solo fatto che si candida? Se rottamazione fosse solo far fuori gli anziani, grazie alla imposizione di regole ad hoc avrebbe di certo ragione, ma non è questo il senso” risponde Arturo Parisi, tra i fondatori del Pd, che intervistato dal Mattino, riconosce a Renzi che “la rottamazione dei vecchi fu infatti l’effetto della sua iniziativa non la sua causa”.

rottamazione, matteo renzi, volto di Parisi

“Non è – aggiunge – con manovre a tavolino nel segreto di qualche stanza fumosa, che Renzi ha battuto la dirigenza precedente, ma alla luce del sole grazie al consenso dei cittadini e in una competizione trasparente come furono appunto le primarie di due anni fa. La sconfitta sarebbe semmai nella paura di perdere, e nella tentazione di cambiare le regole per impedire la gara”.

“Io non so – afferma Parisi – che cosa spinga Bassolino in questa avventura. So però che la sua risposta ad una vocazione antica non può non essere contemporaneamente una pro-vocazione ai nuovi. Una sfida. Chi ha per il futuro di questa città un’idea diversa alzi la mano. La propria. Le confronteremo. Saranno i cittadini a decidere quale sia la migliore. Prima nelle primarie e poi nelle elezioni finali”. Per l’assensa di candidati nuovi da proporre nelle grandi città, Parisi impunta al Pd “un eccesso di concentrazione sul livello nazionale. L’esito di un’architettura di partito progettata peraltro sotto Veltroni”.

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →