Renzi e Marino: nuovo battibecco

Pubblicato il 30 Dicembre 2015 alle 09:10 Autore: Redazione
Il sindaco di Roma Marino ed il premier Renzi

Marino e Renzi non si sono mai piaciuti, si sa. Non deve stupire quindi il nuovo battibecco tra i due. Comincia il premier parlando delle prossime elezioni comunali a Roma che si terranno a giugno 2016. Niente rinvio quindi. “Questo tipo di elucubrazione che esponenti 5 stelle hanno avuto modo di esprimere, “hanno talmente paura che rinviano le elezioni”, è un’allucinazione, una visione allucinogena. A Roma si va a votare nel 2016, intorno al 10 giugno si voterà per il prossimo sindaco”, ha detto Renzi durante la conferenza stampa di fine anno.

Il sindaco di Roma Marino ed il premier Renzi

Subito dopo è arrivata la stoccata all’ex sindaco: “Su Roma sono convinto che il Pd se la giocherà, nonostante ci sia una qualche responsabilità in quello che accaduto. E sono convinto che il prossimo sindaco farà meglio di quello andato via“.

La replica di Marino

Parole che non sono piaciute a Marino che ha risposto via Facebook. “Leggo che Renzi ha abbandonato la sciagurata idea di rinviare le elezioni a Roma. È una grande vittoria. Il rinvio sarebbe stato l’ennesimo inaccettabile abuso contro la città, contro la politica e contro la democrazia. Il presidente del Consiglio dice anche che il prossimo sindaco farà meglio di me. Io sono sicuro che se il sindaco che gli elettori sceglieranno non sarà l’ espressione delle lobby, se avrà l’appoggio leale e non l’ostilità mascherata del governo, se il governo stesso non ostacolerà il sindaco eletto nel contrasto ai potentati che impediscono da anni il risanamento, lo sviluppo e la crescita culturale e morale di Roma, quel sindaco farà un ottimo lavoro”. Alla prossima puntata.

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →