•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 6 giugno, 2014

articolo scritto da:

M5S, cambia lo staff comunicazione e i capigruppo incontrano Casaleggio

Il M5S

E’ necessario migliorare l’attuale comunicazione del M5S per poter vincere le prossime elezioni politiche”. Il dado è tratto. Beppe Grillo stamane sul blog appare risoluto. Passata la batosta delle europee, il MoVimento è tornato da qualche giorno a lavorare in Parlamento e soprattutto ad accorrere nei comuni dove nel fine settimana si terrà il ballottaggio (Modena e Livorno su tutti). Ma, si capisce, con una linea comunicativa diversa. Certamente con cambi nei posti chiave dello staff. E poi rimane sul tavolo la questione più spinosa: Farage sì o Farage no? Ma per questo c’è ancora un po’ di tempo.

Il rimpasto dello staff comunicativo è stato ufficializzato in mattinata: Claudio Messora in Europa, Nicola Biondo alla Camera affiancato dall’assistente di Paola Taverna Ilaria Loquenzi e al Senato il punto di riferimento diventa l’ex gieffino Rocco Casalino. Saranno loro i nuovi guru nascosti del MoVimento e saranno chiamati da subito a cambiare registro: “la comunicazione parlamentare deve essere più integrata con i cittadini e le categorie a cui si rivolge l’attività legislativa” e, soprattutto, “è fondamentale comunicare ai cittadini le nostre iniziative parlamentari, regionali, europee, consultare le associazioni ed evitare di sprecare tempo con le intermediazioni con i giornalisti, vera catena di trasmissione del Sistema”.

Casalino non perde tempo e si mette subito al lavoro ringraziando tutti del posto di responsabilità ottenuto e annunciando giulivo: “cambieremo molte cose” ma prima di tutto “recupereremo il rapporto diretto con i cittadini”.

Oggi a Milano si è anche tenuta la riunione tra i capigruppo alla Camera, Giuseppe Brescia, e al Senato, Maurizio Buccarella, e il co-fondatore Gian Roberto Casaleggio per parlare dell’affaire Nigel Farage. Rimane ancora tutto aperto anche se la trattativa con i Verdi sembra essersi bloccata ancora una volta: se tutto continuerà su questa strada i 5 stelle dovrebbero presentarsi alleati con l’Ukip inglese. A meno che la rete non decida per un “no” categorico allo xenofobo Farage. In quel caso i giochi si riaprirebbero e un’altra sconfitta per Grillo e Casaleggio sarebbe difficilmente digeribile. Ma è solo fantapolitica. Di certo non c’è ancora nulla di concreto, se non che, come ha annunciato Brescia quest’oggi, i militanti saranno chiamati a decidere “entro la fine di giugno” con “un’unica consultazione” gli alleati europei. E quella sarà la vera prova del nove.

 

Giacomo Salvini

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: