Pubblicato il 16/01/2017

Sondaggi politici sindaci e governatori, Appendino e Zaia i più amati per Ipr

autore: Giacomo Salvini
sondaggi politici sindaci Ipr

Sondaggi politici sindaci e governatori, Appendino e Zaia i più amati per Ipr

Chiara Appendino è la Sindaca più amata d’Italia e Luca Zaia il governatore che riscuote più successo a livello nazionale. A rilevarlo è l’annuale sondaggio “Governance Poll” realizzato da Ipr Marketing per Il Sole 24 Ore che stamani ne ha pubblicato i risultati. La rilevazione vuole misurare il gradimento dei cittadini nei confronti dei propri amministratori locali, Sindaci e Presidenti di Regione. A sorpresa, in testa alla classifica dei primi cittadini troviamo Chiara Appendino, l’ex manager bocconiana del Movimento 5 Stelle che a giugno ha sconfitto il Sindaco uscente Piero Fassino al ballottaggio. La giovane trentaduenne di Moncalieri piace al 62% dei torinesi, facendo registrare un +7,4% in più rispetto al giorno della sua elezione. A riprova di come il suo operato fino ad oggi abbia riscosso molto successo anche tra quegli elettori che non l’avevano votata a giugno.

sondaggi politici elettorali

Tra i primi cittadini, alle spalle di Appendino, troviamo il Sindaco di Firenze Dario Nardella (61%) e quello di Parma, Federico Pizzarotti (60,5%). Per quest’ultimo il 2016 è stato l’anno della fuoriuscita definitiva dal Movimento 5 Stelle che pure lo aveva candidato e portato alla vittoria nel 2012. Adesso Pizzarotti potrebbe avere mani più libere e candidarsi per un secondo mandato alle elezioni di quest’anno con una lista civica. A inizio anno, l’ex primo cittadino pentastellato ha ribadito ancora una volta che non cercherà alcuna “alleanza” con il Partito Democratico.

Sondaggi politici, gradimento sindaci: Raggi penultima

In questa speciale classifica, agli ultimi posti spicca il nome pesante di Virginia Raggi, sindaca di Roma spesso paragonata alla collega Appendino. La Raggi, dopo 6 mesi di grosse difficoltà, si trova al penultimo posto della graduatoria: peggio di lei fa solo la Sindaca di Alessandria, Maria Rita Rossa. La Sindaca della Capitale ad oggi piace al 44% dei romani, con un crollo di 23 punti rispetto al giorno della sua elezione. Una fotografia fin troppo lampante di una gestione deludente.

In generale, i Sindaci grillini non entusiasmano i propri cittadini. Oltre alla Raggi, perdono diverse posizioni sia il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin al 93° posto con un -5,1% rispetto all’elezione, sia il Sindaco di Ragusa Federico Piccitto (-23,4%), al 98° posto.

Sondaggi politici, il consenso tra i governatori

Tra i governatori, invece, il più amato d’Italia è quello del Veneto Luca Zaia (60%) seguito da Enrico Rossi (Toscana) e Roberto Maroni (Lombardia).

Schermata 2017-01-16 alle 17.42.48

Gli ultimi tre posti, invece, sono tutti del centrosinistra con Debora Serracchiani che in Friuli Venezia Giulia continua a non convincere i suoi cittadini (33%), Francesco Pigliaru in Sardegna (30%) e ultimo posto che spetta al governatore della Sicilia, Rosario Crocetta. Ed è proprio nell’isola che quest’anno il Movimento 5 Stelle cercherà il colpo grosso conquistando la prima Regione della sua storia.

Schermata 2017-01-16 alle 17.43.00

NOTA METODOLOGICA

Periodo di effettuazione delle interviste: 10 Novembre-22 Dicembre 2016

Modalità di somministrazione questionari: interviste effettuate con sistemi misti: telefoniche con l’ausilio del sistema Cati, telematiche tramite il sistema Cawi e con il sistema Tempo Reale

Campione voto Sindaco: 600 elettori in ogni Comune capoluogo, disaggregati per sesso, età ed area di residenza

Campione voto Presidente Regione: Mille elettori in ogni Regione, disaggregati per sesso, età ed area di residenza

Rispondenti 91% del campione (in media); Indecisi25% (in media); Margine di errore+/- 4%;

Autore: Giacomo Salvini

Studente di Scienze Politiche alla Cesare Alfieri di Firenze. 20 anni, nato a Livorno. Mi occupo di politica e tutto ciò che ci gira intorno. Collaboro con Termometro Politico dal 2013. Su Twitter @salvini_giacomo
Tutti gli articoli di Giacomo Salvini →