• 5
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 18 gennaio, 2017

articolo scritto da:

Debiti Forza Italia, il piano lacrime e sangue per non far morire il partito

debiti forza italia

Debiti Forza Italia, il piano lacrime e sangue per non far morire il partito

La situazione finanziaria di Forza Italia è critica. Da codice rosso (oltre 100 milioni di debiti). Urgono quindi interventi draconiani con misure che interesseranno tutti gli iscritti e gli eletti azzurri di ogni ordine e grado. A presentare il piano lacrime e sangue all’ufficio di presidenza di Forza Italia convocato per oggi, sarà il tesoriere Alfredo Messina.

Incaricato direttamente dall’ex premier Silvio Berlusconi, Messina illustrerà a tutti le nuove regole che arrivano da Arcore.

Debiti Forza Italia, le misure “draconiane”

Il “tributo” che ogni eletto dovrà versare alle casse del partito sarà così ripartito: 1.000 euro di iscrizione obbligatoria a Forza Italia per tutti gli eletti azzurri, 800 euro di contributo mensile da parte di tutti quei deputati e senatori che non hanno provveduto, una volta eletti, al pagamento della quota di 25 mila euro. Scadenza: febbraio 2017.

Chi sgarrerà incorrerà in pene severe. Dal decadimento di ogni incarico nel partito alla non ricandidatura.

Il piano di “ristrutturazione” non terminerà qui. Dato che la legge 13/2014 ha di fatto stretto i rubinetti statali del finanziamento pubblico, si dovranno trovare altri modi per l’auto finanziamento. Per questo verrà istituito un comitato per il fund raising. L’obiettivo dichiarato è quello di far crescere le donazioni. Tutti gli eletti azzurri dovranno impegnarsi in questo senso e diventare degli abili “venditori” politici.

Debiti Forza Italia, quanto ha pagato Berlusconi fino ad oggi

Sono lontani i tempi in cui Berlusconi ripianava le perdite del partito di tasca propria. Come riportato da Il Tempo, l’ex Cavaliere ha più volte ripianato i debiti di Forza Italia, staccando assegni con cifre da capogiro  per estinguere altrettante fidejussioni: il primo di 23.284.365,90 euro per un fido di Mps del 2001; il secondo di 10.382.032,81 euro per un fido del Banco Popolare di Sondrio risalente al 1998; un terzo pari a 10.249.413,72 euro per un fido del 2000 della Banca del Fucino, sede di Roma. Al risanamento delle casse di Forza Italia hanno provveduto anche i figli di Berlusconi Barbara, Eleonora, Luigi, Marina e PierSilvio che nel 2015 hanno staccato ognuno assegni da 100 mila euro.

Adesso tutto cambia, i licenziamenti dei dipendenti sono già partiti. Ora toccherà agli eletti azzurri fare di necessità virtù

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: