Pubblicato il 05/05/2017 Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2017 alle 20:20

Elezioni Francia 2017: la media sondaggi alla vigilia del ballottaggio

autore: Emanuele Vena
Elezioni Francia 2017, la media sondaggi elettorali in vista del ballottaggio - i due contendenti, Emmanuel Macron e Marine Le Pen

Elezioni Francia 2017: la media sondaggi in vista del ballottaggio

Chiusa la battaglia per il primo turno delle presidenziali francesi, è già tempo di pensare al ballottaggio, in programma il prossimo 7 maggio. La sfida sarà tra l’ex ministro Emmanuel Macron (En Marche!) e Marine Le Pen, leader del Front National. Quale è il termometro del duello tra i due contendenti? Scopriamolo analizzando il trend e la media sondaggi elettorali.

In occasione del primo turno le rilevazioni effettuate dai vari istituti demoscopici avevano fotografato uno scenario in bilico. Con ben 4 candidati potenzialmente in grado di accedere al ballottaggio, in virtù di distacchi inferiori al margine d’errore tipico degli stessi sondaggi. Il verdetto delle urne ha evidenziato la buona affidabilità dei vari istituti, in grado di effettuare rilevazioni particolarmente accurate nonché di prevedere il corretto ordine di posizionamento dei vari candidati.

Elezioni Francia 2017, presidenziali: il trend dei sondaggi elettorali per il ballottaggio

La situazione per quanto riguarda il ballottaggio è invece evidenziata nella tabella seguente (in continuo aggiornamento). La quale elenca solamente l’ultimo sondaggio effettuato da ognuno dei principali istituti demoscopici transalpini.

Istituto (Data)Emmanuel Macron (En Marche!)Marine Le Pen (Front National)Vantaggio
Ipsos Sopra Steria (5 maggio)63%37%+26% Macron
Ifop-Fiducial (2-5 maggio)63%37%+26% Macron
Harris Interactive (2-5 maggio)62%38%+24% Macron
Odoxa (4 maggio)62%38%+24% Macron
Elabe (4 maggio)62%38%+24% Macron
OpinionWay (2-4 maggio)62%38%+24% Macron
BVA (1-2 maggio)60%40%+20% Macron
Kantar Sofres-OnePoint (28-30 aprile)59%41%+18% Macron

Come si può notare, tutti gli istituti assegnano a Macron una maggioranza cospicua, accreditandolo di un dato compreso tra il 59 ed il 63%.  A conferma di una tendenza simile fotografata da tutti gli istituti, senza la presenza di un vero e proprio outlier.

Elezioni Francia 2017, presidenziali: la media sondaggi elettorali per il ballottaggio

Qui di seguito la media sondaggi, basata sempre tenendo conto dell’ultima rilevazione di ogni istituto.

Anche qui si può notare un Macron nettamente favorito. Il leader di En Marche!, stando alla media, potrebbe rifilare più di 20 punti di distacco alla Le Pen. Il trend complessivo degli ultimi 10 giorni è stato contrastante.

I primi 5-10 giorni successivi al 1° turno del 23 aprile hanno evidenziato un recupero della Le Pen. Ad influire su ciò è sicuramente il dato relativo agli elettori dei candidati esclusi. Infatti, nonostante il sostegno a Macron da parte di 2 esclusi su 4 (Fillon ed Hamon, con Mélenchon non schierato e Dupont-Aignan a favore della Le Pen) la fetta di elettorato escluso favorevole all’ex ministro sembrava in leggero calo, con uno spostamento sia verso l’astensione che verso la Le Pen.

LEGGI ANCHE: Per chi voteranno gli elettori di Fillon, Hamon e Mélenchon

Il duello tv del 3 maggio – nel quale, secondo analisti e sondaggisti, avrebbe prevalso sulla Le Pen – sembra però aver dato nuova linfa a Macron. Il quale è tornato a crescere mediamente di un paio di punti. Un dato che potrebbe permettergli di blindare il vantaggio ed ipotecare la conquista dell’Eliseo.

La media sondaggi prende in esame l’ultima rilevazione pre-voto effettuata dai seguenti istituti transalpini: BVA, Elabe, Harris Interactive, Ifop, Ipsos, Kantar Sofres, Odoxa ed OpinionWay

Autore: Emanuele Vena

Lucano, classe ’84, laureato in Relazioni Internazionali presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna e specializzato in Politica Internazionale e Diplomazia presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Padova. Appassionato di storia, politica e giornalismo, trascorre il tempo libero percuotendo amabilmente la sua batteria. Collabora con il Termometro Politico dal 2013. Durante il 2015 è stato anche redattore di politica estera presso IBTimes Italia. Su Twitter è @EmanueleVena
Tutti gli articoli di Emanuele Vena →