articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Modello Redditi 2017: proroga scadenza, decreto in Gazzetta

modello redditi 2017

Modello Redditi 2017: proroga scadenza, decreto in Gazzetta

Con un decreto dell’ultima ora, arriva una proroga – inaspettata e, proprio per questo, forse non utilissima – sul pagamento delle tasse. Nello specifico, è stata annunciata la doppia proroga dei versamenti della dichiarazione dei redditi, rispettivamente dal 30 giugno al 20 luglio senza maggiorazione e dal 31 luglio al 21 agosto con la maggiorazione dello 0,4% (detto anche comunemente 4 per mille).

Una proroga discutibile quantomeno nella tempistica. Di fatti, la prima scadenza del 20 luglio era ormai decorsa, rendendo impossibile versare, senza maggiorazione alcuna, a quella data (usufruendo così della prima proroga).

Rottamazione cartelle Equitalia: proroga possibile, le ultime sulla scadenza.

Modello redditi 2017: proroga per chi?

Inizialmente, questa proroga è stata concessa unicamente ai titolari di impresa. Non si includeva, in questa maniera, il lavoratore autonomo. Una grandissima fetta di popolazione che ha visto un ingiusta discriminazione. Proprio per questa ragione, attraverso un ulteriore decreto del 26 luglio, la proroga è stata estesa anche agli autonomi. Come riportato da Bergamo News, “è stato chiarito che la proroga riguarda i titolari di reddito d’impresa, i professionisti e i soggetti che detengono partecipazioni in società di persone che devono dichiarare i redditi percepiti “per trasparenza”.

Modello 770 2017: proroga scadenza, arriva la firma al DPCM.

Modello redditi 2017: le imposte interessate

Il decreto, firmato il 26 luglio, conferma che la proroga riguarda tutti i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi. Si va dalla dichiarazione IRAP e dalla dichiarazione IVA. Anche i contributi di artigiani e commercianti (i quali dispongono di casse specifiche) all’INPS sono compresi nella proroga.

E ancora, si includono sia gli acconti che le imposte sostitutive, dovute dai contribuenti minimi e da quelli in regime forfettario. Anche IVIE e IVAFE – imposte relative ai beni detenuti all’estero e attività fuori dal Paese – rientrano nelle imposte interessante dalle due proroghe.

ultima modifica: martedì, 1 Agosto 2017