•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 ottobre, 2017

articolo scritto da:

Legge elettorale 2018: Rosatellum, bocciati tutti gli emendamenti

legge elettorale

Legge elettorale 2018: Rosatellum, bocciati tutti gli emendamenti

Le votazioni che si sono tenute durante tutta la mattinata a Montecitorio, in commissione Affari costituzionali, hanno lasciato il testo base della legge elettorale , il cosiddetto Rosatellum, essenzialmente invariato.

Era stato il Movimento 5 stelle, insieme a Mdp, a presentare alcuni emendamenti riguardanti voto disgiunto, preferenze, quote di genere, soglie di sbarramento e il tema del leader della coalizione.

legge elettorale

Legge elettorale: rinsaldata l’alleanza a quattro

Tra ieri e oggi sono stati diversi i no che hanno certo ricompattato l’alleanza a quattro delle forze politiche a sostegno dell’impianto originario della legge elettorale, Pd, Ap, Lega e FI. Bocciati il voto disgiunto, gli emendamenti riguardanti le preferenze, le quote di genere e l’obbligo di presentazione dello statuto del partito al Viminale insieme a liste e simboli . Si continua quindi ad andare avanti mantenendo intatto il testo e trovando nuove intese.

E’ stata infatti trovata, Tra Pd e Forza Italia, la quadra circa il numero dei collegi. FI aveva chiesto una riduzione e l’ha ottenuta; da 70 collegi previsti nel testo base della legge elettorale si è scesi a circa 65.

Resta perciò al momento irrisolta, soprattutto a seguito dell’assenza in commissione del pentastellato Danilo Toninelli,  la questione riguardante l’emendamento “anti-Silvio”. I 5stelle vorrebbero in sostanza far valere la legge Severino e rendere incandidabile e ineleggibile Silvio Berlusconi; è chiaro che verrebbe certamente riconfermato come “capo politico” di FI. Ma qui il Pd non è d’accordo e si è già espresso contrario. Curioso è l’emendamento sullo stesso tema presentato da Francesco Paolo Sisto che va a remare in direzione completamente opposta; da “anti-Silvio” diventa “blinda-Silvio” e vuole in sostanza la forza politica più votata in una coalizione deputata alla scelta del leader della coalizione stessa.

Legge elettorale: sì alle liste civetta

Alle tante bocciature si sono comunque alternate alcune “promozioni”: il sì è giunto infatti sulle liste civetta. Quest’ultimo è un meccanismo che permette di non perdere quei voti assegnati ai partiti che non sono riusciti a superare la soglia di sbarramento del 3%. Quei voti vengono quindi assorbiti dalle coalizioni a cui i partiti sono collegati.

SEGUICI SU FACEBOOK E TWITTER

RIMANI AGGIORNATO: ISCRIVITI AL FORUM DI TERMOMETRO POLITICO A QUESTO LINK

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: