• 176
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 8 gennaio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche 2018: alleanza PD-Bonino, chiesti 10 seggi per l’accordo

elezioni regionali, Elezioni politiche 2018: alleanza PD-Bonino

Elezioni politiche 2018: alleanza PD-Bonino, chiesti 10 seggi per l’accordo.

Nessuna raccolta firme per +Europa, accolta dal Centro Democratico di Tabacci. Le ultime sulle elezioni politiche 2018 virano però verso il centrosinistra, con l’alleanza tra PD e Bonino che probabilmente ci sarà, ma che è ancora in fase di trattativa. Potendo partecipare alle prossime politiche, infatti, +Europa potrà dettare le sue condizioni. E queste, almeno in un primo momento, si trasformano nella richiesta di 10 seggi per la coalizione. 10 seggi che però il Partito Democratico vorrebbe far diventare 4 o 5 seggi di primo piano per i nomi più importanti della lista, Bonino inclusa naturalmente.

Elezioni politiche 2018: alleanza PD-Bonino corre sul filo dei seggi

Quella tra il Partito Democratico di Matteo Renzi e la lista della Bonino è una trattativa lontana dall’essere chiusa. E che si renderà ancora più concreta a partire dai prossimi giorni. L’esito, tuttavia, non è così scontato. A incrementare l’incertezza, lo stesso Tabacci, il leader di Centro Democratico che ha definitivamente risolto il problema della raccolta firme per la Bonino. Per i dettagli, invece, bisognerà attendere l’assemblea del 13 gennaio 2018. Questo sarà il giorno in cui sarà apposto il “sigillo” definitivo sull’intesa tra Bonino e Tabacci. Ma sarà anche il momento in cui si deciderà il da farsi. Tra le discussioni previste durante l’assemblea del 13, ci sarà infatti anche il futuro politico. E quindi l’accordo con il Partito Democratico.

Elezioni politiche 2018: sull’accordo col PD se ne parlerà il 13 gennaio

Sul tema Tabacci ha infatti lanciato una piccola provocazione nei confronti del principale alleato. “Ovviamente ci collochiamo nel centrosinistra. Siamo sempre stati leali, ma ci siamo anche accorti degli errori fatti. Per l’apparentamento? Vedremo”. E sarà tema di discussione durante l’assemblea del 13 gennaio, avvisa.

Come se il PD avesse perso il manico del coltello, lo avesse girato e lo avesse teso alla lista +Europa-Centro democratico. Sul piatto, come detto, c’è il numero dei seggi. La richiesta di +Europa appare alta per il PD, che però potrebbe scendere a qualche compromesso. Anche per non correre il rischio di ritrovarsi senza alleati. Per questo motivo l’accordo coi radicali può essere importante. Poiché alle prossime elezioni non basterà un one man show per convincere l’elettorato. E fronteggiare un’opposizione che dall’altro lato, almeno apparentemente, sembra essersi ritrovata compatta.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Election box

Election box

Sondaggio elezioni politiche 2018

Sondaggio elezioni politiche 2018

Sondaggio elezioni regionali Lazio

Sondaggio elezioni regionali Lazio

Sondaggio elezioni regionali Lombardia

Sondaggio elezioni regionali Lombardia

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

articolo scritto da: