• 2
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 15 gennaio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni regionali 2018: candidati Lazio e Lombardia, nomi e alleanze ufficiali

Elezioni regionali 2018: date, sondaggi, candidati e dove si vota

Elezioni regionali 2018: candidati Lazio e Lombardia, nomi e alleanze ufficiali

I nodi delle candidature alle elezioni regionali 2018 si stanno progressivamente sciogliendo. E anche dalle due principali regioni al voto, Lazio e Lombardia, iniziano ad arrivare conferme su nomi e alleanze ufficiali tra le forze politiche in lizza.

La situazione il Lombardia è ben definita: sono sei i candidati presidenti che si sfideranno per la presa del Pirellone. O meglio, saranno sei se tutti riusciranno a raccogliere le 20mila firme necessarie per potersi presentare. Traguardo non così scontato per tutti.

Ma vediamo chi sono i candidati alla presidenza della Lombardia (in ordine alfabetico): Giulio Arrighini (Grande Nord); Attilio Fontana (Lega Nord, sostenuto da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Partito Pensionati, Rivoluzione Cristiana, Movimento Nazionale per la Sovranità); Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia); Giorgio Gori (Partito democratico sostenuto da Lombardia progressista, Area civica, Verdi e Partito Socialista); Onorio Rosati (Liberi e Uguali); Dario Violi (Movimento 5 Stelle).

Venerdì sera si è sciolta la riserva di Liberi e Uguali, che ha deciso di correre con un proprio candidato in Lombardia, puntando sul consigliere lombardo Onorio Rosati.

Elezioni regionali 2018: candidati Lazio e Lombardia, nomi e alleanze ufficiali

Cosa differente per il Lazio. Come d’attesa, LeU appoggerà il candidato dem, il presidente uscente Nicola Zingaretti. A confermarlo, il leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso. “In questi giorni – ha spiegato il Presidente del Senato – ho portato all’attenzione del presidente Zingaretti le richieste emerse dall’assemblea dei delegati di Liberi e Uguali del Lazio sul profilo politico e sui punti programmatici in tema di sanità, mobilità, ambiente, gestione dei rifiuti, lavoro”. Poi conclude: “ci sono tutte le condizioni per costruire un’alleanza di sinistra”. Giustifica così, ieri, la scelta dell’alleanza con il Pd per le regionali laziali 2018.

Elezioni regionali in Lazio, Zingaretti è soddisfatto

Decisione accolta con positività e soddisfazione dal governatore uscente: “Sono molto contento per la scelta di Liberi e Uguali. Un importante fatto politico che arricchisce il profilo del nuovo centrosinistra regionale che stiamo costruendo. Dopo i tavoli e i gazebo del Pd di questi giorni, il lancio della Lista Civica di oggi – Lista Civica Zingaretti presidente, presentata ieri dallo stesso presso il Nazionale Spazio Eventi – l’annuncio di Pietro Grasso rafforza la credibilità di vittoria per il 4 marzo. Infine in questi anni abbiamo ottenuto grandi risultati ora prepariamoci a 5 anni di svolta”.

Ancora assente, invece, la decisione del centrodestra per il Lazio. Pirozzi rimane in corsa, mentre Berlusconi, Meloni e Salvini sono ancora alla ricerca della figura di accordo da presentare per la guida della regione Lazio. Figura che non arriva e che sta continuando a generare dispute intestine al centrodestra.

PAGINA SPECIALE SULLE REGIONALI A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: